La malattia - le origini

Per salutare i tuoi amici o semplicemente cazzeggiare anche su argomenti non strettamente legati al mondo della pesca.

Moderatori: Staff Seaspin, Staff Moderatori

Rispondi
Avatar utente
headline
Senior Member
Messaggi: 1558
Iscritto il: sab mag 29, 2010 4:09 pm
Località: Carbonia (CA)

La malattia - le origini

Messaggio da headline » ven dic 20, 2013 12:25 pm

Ho scritto questo articolo per il mio blog, ma vorrei condividerlo anche con voi. Sono le origini della malattia.

“Il contagio è la trasmissione da un individuo ad un altro di una malattia infettiva.
Può avvenire in diversi modi a seconda della malattia associata.”


Questa, è la definizione che wikipedia ci fornisce nelle prime righe di risposta, quando si ricerca la parola contagio. Il termine “malattia“, lo sentiamo spesso nel mondo dello spinning . Da compagne, mogli,madri, fratelli, amici, cugini…

Ma è sul termine “infettivo” che vorrei soffermarmi. Quanti di noi avrebbero mai cominciato a fare spinning, se qualcuno non fosse venuto ad entusiasmarci con racconti di treni agganciati alla canna, di scogliere bellissime e di emozioni forti? Credo in tanti.

Ma n0n è disonore, anzi. Quando si può prendere qualcosa di buono dagli altri, secondo me è giusto lo si faccia senza remori. Sempre migliorarsi,sperimentare e cambiare forma.

Ma partiamo dal principio.

Tanti anni fà (non moltissimi, ma abbastanza da aver preso alcuni kg durante questi anni), oltre il calcio e la musica (ed, ovviamente la sgnacchera), non è che avessi molti interessi. Oppure, riformulando, erano interessi nei quali la passione c’era, ma non tanto da sacrificarmici per ottenere risultati concreti. Ma la pesca era già presente,anche se sicuramente non come oggi. Andavo con mio babbo, al porto o in spiaggia,a pescare con il vermicello,ferrando i malcapitati saraghi o le povere occhiate ignare di mangiare il demoniaco inganno.

Ed in una giornata d’estate di metà anni 90′, dove l’afa veniva smorzata da un leggero vento da nord, seduti su sgabelli dalla stabilità incerta, mi raccontò per la prima volta di un pesce predatore…

“Babbo, ma predatore in che senso?”

“Predatore che mangia gli altri pesci Matteo.”

“Che pesce è?”

“Si chiama barracuda.”

“E come è fatto?”

“E Matteo…ha la forma affusolata…è di colore grigio con bande laterali sulla schiena…ha i denti lunghi ed affilati…”

“Ha i denti? Ma tu l’hai mai visto dal vivo?”

“Si, mi è capitato di vederli in porto, quando facevo il militare, alle prime luci dell’alba…”

Il primo sintomo della malattia piscatoria : la curiosità.

Per anni, non ho potuto informarmi su questo bellissimo predatore, ero piccolo ed i pc esistevano solo nei film…fin quando mio padre ne acquistò uno, abbastanza decente per poter navigare su internet con un modem 56k.

E se anche la curiosità sul nostro bellissimo sfirenide sembrava attenuata, la possibilità di avere il mondo a portata di clic la riaccese come benzina sul fuoco. Ed appena digitata la parola barracuda…trovai tanto da leggere…alcune foto…le abitudini…ed un forum.

Direte voi, un forum nei primi anni 2000 di spinning? E già. Un signor forum gestito da alcune persone in gambissima. Persone che praticavano il C&R già all’epoca, quando alcuni dei più noti spinner dei giorni nostri giravano per casa con il ciuccio in bocca.

Questo forum si chiamava barracuda spinning club.

Secondo sintomo della malattia piscatoria : l’eccitazione.

Allora, pischellino con quattro peli sotto le ascelle, mi misi a leggere tutto quello che potevo, le abitudini, gli orari giusti, (di esche, canne e mulinelli ancora non se ne parlava, si pescava per il piacere di farlo), ma sopratutto i posti giusti. Scogliera naturale…imboccatura dei porti…e centrali dell’ENEL.

“Sì, per via dell’acqua calda,” mi disse un carissimo amico. “Io ho degli amici che escono a pescare e gli vedono sempre girottare in quella corrente di acqua bollente”.

“Se vuoi, possiamo andare per provare a pescarli”.

Ecco. Credo che questo sia stato il mio punto di non ritorno. Da quel momento, l’eccitazione era a mille. Il capire come arrivare in quel punto, mettere benzina al cinquantino, tenere le canne dritte per evitare di fare la fiancata a qualche macchina nell’altra corsia e…le esche artificiali.

Residui bellici di mio babbo e suo babbo, roba che oggi mi vergognerei a tirare fuori.

Fase finale : il contagio.

Salo, così chiamato dal gruppo di amici per via del suo cognome, cominciò a raccontarmi di magnifiche pescate fatte dal padre, dai parenti e di pesci stratosferici pescati in quello spot. Di leccie e ricciole over 20 kg….e di barracuda.

Mi si illuminavano gli occhi, ogni qual volta che diceva che mangiavano a galla sui muggini, che era uno spettacolo della natura, che l’acqua “bolliva”.

Ed allora, pronti e via, senza remori. Decidemmo di fare la notte in questo spot, dove nessuno dei due era mai stato. Si era fatto spiegare la strada a grandi linee da un amico. Ricordo ancora la discussione su cosa portare, ma ci sarà freddo, ma dici che una canna a fondo serve….

E la sera partimmo. Carichi come asini. Ricordo il viaggio, scomodo, sulla moto nera customizzata come meglio si poteva negli anni 2000. Ricordo il pezzo sterrato, lunghissimo,pieno di buche. E finalmente scorgemmo lo spot.

Era una piattaforma in mezzo al mare, dietro le turbine dell’ENEL. Il sole alto illuminava la forte corrente che i mostri meccanici creavano risucchiando l’acqua del mare. Bene, il grande momento era arrivato.

Scaricammo la moto, percorremmo un breve tratto di scogliera artificiale ed eccoci sulla piattaforma. Il mare era piatto come olio, e sotto di essa si scorgevano le sagome dei muggini e delle salpe.

Il tempo passò veloce sino al tramonto, quando l’acqua cominciò a ribollire. Il cielo si era scurito, come nei film, quando si ha un brutto presentimento e sta per accadere qualcosa di tragico. E così fù. Un branco enorme di barracuda attaccava i muggini lontano da noi, una scena che ancora oggi mi mette i brividi, un emozione unica. Vedere i denti aguzzi letteralmente macellare la loro cena, era uno spettacolo senza prezzo. Attaccammo un artificiale dalle ancorette rugginose, su canne corte ma più da beach ledgering che da spinning….

I nostri lanci non arrivavano a destinazione, e presto ci stancammo di non avere i barracuda a portata di lancio. Poco dopo, sceso il sole, il nulla più assoluto. Passammo una notte fredda, in compagnia di sigarette, panini e qualche birra, sdraiati nel bordo della piattaforma a guardare il cielo e a fantasticare sui quei mostri che fino a qualche attimo prima ci caricavano di adrenalina. Fino all’alba.

All’alba successe qualcosa di particolare….Salo, nelle sue magliette smanicate da camionista, con i suoi metodi rozzi ma dai modi gentili, mi disse che era arrivata l’ora di prendere un barracuda…

Forse in altre occasioni avrei riso in faccia a chiunque, ma non il giorno. Prese la sua canna, innesco un rapala testa rossa dalla paletta di metallo, e lanciò forte. La polvere, la salsedine e l’acqua che fuoriscirono sotto forma di polveri dal mulinello, le braccia tese e lo sguardo concentrato sul nylon permangono ancora nei miei ricordi…

E fù un attimo…la lenza si tese, le braccia ferrarono forte il predatore, che a sua volta diventò preda del plastico inganno…l’acqua si aprì…cominciò a scodare a galla…una piccola fuga…l’ansia e l’adrenalina legate assieme…all’urlo di “Prendi il coppo! E’ grande!E’ grande!”….la sagoma argentea riflessa nella prime luci dell’alba e….

Dottore sono malato. Lo risconosco, dicono sia il primo passo verso la guarigione. Mi ha contagiato un amico…si lo so sono brutte cose ma ormai è difficile uscire da questo tunnel.

Grazie Marco, grazie di tutto.
Matteo

Chi può dirlo, solo dio lo sa.

http://saltwaterfables.blog - ...not another spinning blog...

MaurizioA.
Member
Messaggi: 192
Iscritto il: mar set 11, 2012 11:55 am
Località: Sardegna

Re: La malattia - le origini

Messaggio da MaurizioA. » ven dic 20, 2013 10:20 pm

Bellissimo racconto che fa percepire anche le emozioni che hai provato, grazie.
Io ho iniziato a pescare tanti anni fa con altre tecniche e ricordo che fin da bambino ero perdutamente innamorato della pesca in generale tanto da costruirmi una canna con lo spago, tappo di sughero e ago per cucire nemmeno piegato...saranno passati più di 35 anni ma ricordo perfettamente di aver pensato che se fossi stato abbastanza veloce a tirarlo fuori avrei potuto comunque prendere un pesce nonostante l'ago dritto, non possedevo nemmeno un amo. Successivamente ho iniziato a costruirmi degli ami con il filo di ferro o addirittura di rame, non ho mai nemmeno provato quelle attrezzature in acqua, progettavo di provarle nelle vasche con i pesci ai giardini.
Alle medie ho comprato una di quelle cannette rosse in due pezzi in fibra di vetro di seconda mano, che ho ancora in garage, ma le occasioni di usarla erano pochissime, la prima volta che l'ho usata siamo andati a piedi con due amici in un piccolo fiume a diversi chilometri di distanza, giusto il tempo di fare due lanci che dovevamo già rientrare, ho lanciato un piccolo artificiale senza prendere niente ma, onestamente, non avevo le idee chiare su quello che facevo e l'avevo usato solo perchè non avevamo avuto il tempo di procurare qualche lombrico.
La successiva esperienza con gli artificiali l'ho avuta quando avevo poco più di vent'anni e nella cassettina avevo un ondulante in metallo lanciato in foce, con la stessa cannetta rossa, senza troppa convinzione e senza prendere niente durante una pescata agli albori del surf, sulle riviste avevo visto che qualcuno ci prendeva le spigole.
Per tanti anni e per varie ragioni ho abbandonato la pesca, successivamente, qualche anno fa, il ritorno di fiamma col surfcasting e l'idea di comprare una canna da spinning (anzi da casting per la verità) da usare durante le attese, poi i barracuda in porto, le scogliere e tanti saluti.
Oggi ho ancora l'atttrezzatura da surfcasting ma quando ho la possibilità di andare a pescare non mi sfiora nemmeno lontanamente l'idea di prenderla e usarla, so che prima o poi lo farò visto che piaceva anche a mia moglie (lei stava in tenda a giocare col portatile).
Tutto questo solo per dire che anche io sono stato contagiato.
Maurizio Aloe

Sto su una via salata, in equilibrio isterico tra il mare grosso e la terra sto a raccogliere quello che si è arrotondato sfregando
...
Questa è la via salata, dove ogni ansia si impolvera, svaporazione benefica, quel sale che preserva dà forza e corrode le cose.

(Mau Mau - La via salata)

Avatar utente
headline
Senior Member
Messaggi: 1558
Iscritto il: sab mag 29, 2010 4:09 pm
Località: Carbonia (CA)

Re: La malattia - le origini

Messaggio da headline » sab dic 21, 2013 7:35 pm

Prima di tutto grazie a te per aver speso del tempo a leggere, davvero.
MaurizioA. ha scritto: Per tanti anni e per varie ragioni ho abbandonato la pesca, successivamente, qualche anno fa, il ritorno di fiamma col surfcasting e l'idea di comprare una canna da spinning (anzi da casting per la verità) da usare durante le attese, poi i barracuda in porto, le scogliere e tanti saluti.
(...)
Tutto questo solo per dire che anche io sono stato contagiato.
...il ritorno di fiamma....sembra che a volte il mare ci chiami...tipo anello del signore degli anelli...è qualcosa di intrinseco nell'essere...
Matteo

Chi può dirlo, solo dio lo sa.

http://saltwaterfables.blog - ...not another spinning blog...

MaurizioA.
Member
Messaggi: 192
Iscritto il: mar set 11, 2012 11:55 am
Località: Sardegna

Re: La malattia - le origini

Messaggio da MaurizioA. » dom dic 22, 2013 5:58 pm

Il signore degli anelli Fuji
Maurizio Aloe

Sto su una via salata, in equilibrio isterico tra il mare grosso e la terra sto a raccogliere quello che si è arrotondato sfregando
...
Questa è la via salata, dove ogni ansia si impolvera, svaporazione benefica, quel sale che preserva dà forza e corrode le cose.

(Mau Mau - La via salata)

Avatar utente
headline
Senior Member
Messaggi: 1558
Iscritto il: sab mag 29, 2010 4:09 pm
Località: Carbonia (CA)

Re: La malattia - le origini

Messaggio da headline » lun dic 23, 2013 7:58 am

MaurizioA. ha scritto:Il signore degli anelli Fuji
:smt005 :smt005 :smt005 :smt005 :smt005 :smt005 :smt005
Matteo

Chi può dirlo, solo dio lo sa.

http://saltwaterfables.blog - ...not another spinning blog...

Avatar utente
PHOBIOSPIN
Senior Member
Messaggi: 1205
Iscritto il: gio lug 07, 2011 10:13 am
Località: SARDEGNA

Re: La malattia - le origini

Messaggio da PHOBIOSPIN » lun dic 23, 2013 1:05 pm

commovente :smt038
FABIO FRAU

"Dai un pesce ad un uomo e gli darai da mangiare per un giorno. Insegna a un uomo a pescare e ti libererai di lui ogni week-end"

Avatar utente
mimmus
Moderatore
Messaggi: 9268
Iscritto il: mar gen 08, 2008 6:11 pm
Località: Calabria

Re: La malattia - le origini

Messaggio da mimmus » lun dic 23, 2013 1:51 pm

La malattia si presenta sempre con gli stessi sintomi iniziali (e forse potrebbe essere curata già in quelle fasi, attraverso dosi massicce di passatempi più sani e produttivi, come discoteca, far tardi con i compagni di scuola, giri dei locali, ragazze, ...)
Io a 15 anni tiravo cavedanelli con il rotante (n.0, su Pescare si diceva, a proposito delle prede dello spinning, che "a volte, usando cucchiaini-mosca, si prendono anche i cavedani" :smt015). Prendevo l'autobus fino ad un infrascatissimo torrentello cittadino, da cui uscivo rosso paonazzo per i rovi e l'allergia al polline) :-D
La prima canna? Una fissa di bambou, in tre pezzi, con gli innesti in ottone, 3000 lire, lenza compresa, con galleggiantino bianco e verde :smt114
Mimmo Viggiani

"Non sono malato e non sono morto anche se mi hanno ucciso molte volte"

Avatar utente
eagle78
Senior Member
Messaggi: 1147
Iscritto il: lun nov 08, 2010 7:02 pm
Località: prov. di benevento, ma pesco dal Cilento alla Calabria

Re: La malattia - le origini

Messaggio da eagle78 » lun dic 23, 2013 2:57 pm

mimmus ha scritto:e forse potrebbe essere curata già in quelle fasi, attraverso dosi massicce di passatempi più sani e produttivi, come discoteca, far tardi con i compagni di scuola, giri dei locali, ragazze, ...
Ormai non c'è più il fisico per queste cose :smt005 :smt005
erminio

"Una pessima giornata di pesca è sempre meglio di una stupida giornata di lavoro" (Ernest Hemingway)

Avatar utente
mimmus
Moderatore
Messaggi: 9268
Iscritto il: mar gen 08, 2008 6:11 pm
Località: Calabria

Re: La malattia - le origini

Messaggio da mimmus » lun dic 23, 2013 3:09 pm

eagle78 ha scritto:
mimmus ha scritto:e forse potrebbe essere curata già in quelle fasi, attraverso dosi massicce di passatempi più sani e produttivi, come discoteca, far tardi con i compagni di scuola, giri dei locali, ragazze, ...
Ormai non c'è più il fisico per queste cose :smt005 :smt005
E neanche per lo spinning, a leggere l'altro thread sui malanni muscolari :smt005 :smt005
Mimmo Viggiani

"Non sono malato e non sono morto anche se mi hanno ucciso molte volte"

Avatar utente
eagle78
Senior Member
Messaggi: 1147
Iscritto il: lun nov 08, 2010 7:02 pm
Località: prov. di benevento, ma pesco dal Cilento alla Calabria

Re: La malattia - le origini

Messaggio da eagle78 » lun dic 23, 2013 3:16 pm

mimmus ha scritto: E neanche per lo spinning, a leggere l'altro thread sui malanni muscolari :smt005 :smt005
Per questo vado in palestra, per mantenermi più allenato, ma nonostante tutto polso e spalla nelle lunghe sessioni estive, mi fanno male e la schiena non ne parliamo proprio :smt009
erminio

"Una pessima giornata di pesca è sempre meglio di una stupida giornata di lavoro" (Ernest Hemingway)

Avatar utente
SpinnerFrancesco
Operatore pesca sportiva
Messaggi: 1468
Iscritto il: dom lug 27, 2008 11:29 am
Località: Catanzaro

Re: La malattia - le origini

Messaggio da SpinnerFrancesco » mar dic 24, 2013 12:14 am

eagle78 ha scritto:
mimmus ha scritto: E neanche per lo spinning, a leggere l'altro thread sui malanni muscolari :smt005 :smt005
Per questo vado in palestra, per mantenermi più allenato, ma nonostante tutto polso e spalla nelle lunghe sessioni estive, mi fanno male e la schiena non ne parliamo proprio :smt009
Veramente potresti rischiare di creare l'opposto, tenere sempre sotto stress i muscoli interessati tra attrezzi e pesca potrebbe non essere molto benefico. :smt024
Ultima modifica di SpinnerFrancesco il mer dic 25, 2013 1:11 am, modificato 1 volta in totale.
mare ondoso......tanta tanta schiuma.......questo è spinning allo stato puro....

G.Loomis Pro Staff
http://www.gloomis.com

Avatar utente
mimmus
Moderatore
Messaggi: 9268
Iscritto il: mar gen 08, 2008 6:11 pm
Località: Calabria

Re: La malattia - le origini

Messaggio da mimmus » mar dic 24, 2013 11:41 am

SpinnerFrancesco ha scritto: Veramente potresti rischiare di creare l'opposto, tenere sempre sotto stress i muscoli interessati tra attrezzi è pesca potrebbe non essere molto benefico. :smt024
Concordo! Tra runner (quando correvo tanto :smt005), si diceva che troppo allenamento, faceva veramente male, portava più benefici una buona giornata di riposo :smt015
Mimmo Viggiani

"Non sono malato e non sono morto anche se mi hanno ucciso molte volte"

Avatar utente
Donato
Senior Member
Messaggi: 414
Iscritto il: gio feb 19, 2009 11:11 pm
Località: Cosenza

Re: La malattia - le origini

Messaggio da Donato » mar giu 30, 2015 10:53 pm

Ma che é successo nel frattempo?
Ti riadotto :smt058
rattoppa un mimmus
support C&R

Avatar utente
mimmus
Moderatore
Messaggi: 9268
Iscritto il: mar gen 08, 2008 6:11 pm
Località: Calabria

Re: La malattia - le origini

Messaggio da mimmus » mer lug 01, 2015 9:51 am

E Donato Donato... tu perdi i pesci seri e prendi solo le mormore... :lol:
Mimmo Viggiani

"Non sono malato e non sono morto anche se mi hanno ucciso molte volte"

Rikkardo
Member
Messaggi: 195
Iscritto il: mar set 18, 2007 3:49 pm
Località: Roma

Re: La malattia - le origini

Messaggio da Rikkardo » gio lug 30, 2015 3:43 pm

...BARRACUDA SPINNING CLUB... per me è cominciata così, o quasi perchè questa malattia è come un virus latente, ce l'hai ma non lo sai. Ho cominciato a pescare più di 50anni fa, tre pezzi di bambou con legature rosse sugli innesti (sigh) e da li dovunque ci fosse acqua ho gettato ami,a tutto spiano, a tevere, a mare, nelle cave sulla laurentina (dove oggi ci sono la metro ed euronics grrrrrrrr) finanche nel laghetto dell'eur la mattina presto prima di andare al lavoro. Pescavo già a spinning, cavedani, lucci, scardole, addirittura gli agoni a castelgandolofo...poi barracuda spinning club, che mi indirizzò indirettamente ad un negozio di santa marinella, poi seaspin e lì fu l'inizio della fine. Una malatti/mania, la definisco, se decido di andare su uno spot (forse quello della centrale enel è lu stesso che conosco io) non c'è topa o sport che tenga, vero che ogni lasciata è persa, ma ogni pesce rilasciato è molto meglio!!! Dagli abu toby che ho iniziato ad usare quasi senza farmi vedere agli ultimi ritrovati di Utopia ormai ho lanciato di tutto con tutto, nessun pesce over 5 kg, mai una leccia degna di questo nome, ma quando sto a mare anche una perchia o un lucertola quando danno un colpo al cimino mi fanno ancora drizzare i peli sulle braccia. Grazie a tutti per questa magnifica mania :smt038 :smt038 :smt038
STOP al POST degli SPOT

Avatar utente
jackhunter
Amministratore e Staff Seaspin
Messaggi: 4421
Iscritto il: lun apr 14, 2008 11:26 am
Località: MARINA DI PISA

Re: La malattia - le origini

Messaggio da jackhunter » ven lug 31, 2015 7:17 pm

Rikkardo ha scritto:...BARRACUDA SPINNING CLUB... per me è cominciata così, o quasi perchè questa malattia è come un virus latente, ce l'hai ma non lo sai. Ho cominciato a pescare più di 50anni fa, tre pezzi di bambou con legature rosse sugli innesti (sigh) e da li dovunque ci fosse acqua ho gettato ami,a tutto spiano, a tevere, a mare, nelle cave sulla laurentina (dove oggi ci sono la metro ed euronics grrrrrrrr) finanche nel laghetto dell'eur la mattina presto prima di andare al lavoro. Pescavo già a spinning, cavedani, lucci, scardole, addirittura gli agoni a castelgandolofo...poi barracuda spinning club, che mi indirizzò indirettamente ad un negozio di santa marinella, poi seaspin e lì fu l'inizio della fine. Una malatti/mania, la definisco, se decido di andare su uno spot (forse quello della centrale enel è lu stesso che conosco io) non c'è topa o sport che tenga, vero che ogni lasciata è persa, ma ogni pesce rilasciato è molto meglio!!! Dagli abu toby che ho iniziato ad usare quasi senza farmi vedere agli ultimi ritrovati di Utopia ormai ho lanciato di tutto con tutto, nessun pesce over 5 kg, mai una leccia degna di questo nome, ma quando sto a mare anche una perchia o un lucertola quando danno un colpo al cimino mi fanno ancora drizzare i peli sulle braccia. Grazie a tutti per questa magnifica mania :smt038 :smt038 :smt038
non si può far altro che condividere!!! :smt023
Marco Calloni
Staff Seaspin
www.pescaricreativa.org

nurra
senior old forum
Messaggi: 356
Iscritto il: mar giu 07, 2005 10:44 pm
Località: catanzaro

Re: La malattia - le origini

Messaggio da nurra » gio set 03, 2015 3:05 pm

Pieno di amarcord, Mi piace :smt023
La spigola fa Pragliola, il serra fa Hemingway

Rispondi