"L'altra dimensione" dello spinning

Per salutare i tuoi amici o semplicemente cazzeggiare anche su argomenti non strettamente legati al mondo della pesca.

Moderatori: Staff Seaspin, Staff Moderatori

Rispondi
Avatar utente
maXimo
Senior Member
Messaggi: 1391
Iscritto il: ven gen 08, 2010 12:27 pm
Località: Gargano

"L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da maXimo » sab nov 19, 2011 1:47 am

A volte ho la senzazione che nello spinning sia esaltato un certo tecnicismo che per certi aspetti risulta un pò troppo esasperato, sia se cosideriamo l'aspetto strettamente tecnico della disciplina ma anche e soprattutto se prendiamo in considerazione il nostro modo di viverlo e di "percepirlo" nella nostra esperienza personale,quando siamo con i nostri amici o da soli a lanciare,oppure quando ne parliamo qui nel forum,ormai Seaspin "E' " la tecnica dello spinning in mare ma a volte sembra quasi che l'aspetto prettamente tecnico sia esaltato sopra ogni cosa,trascurando forse la dimensione più "semplice" ed emotiva che credo sia altrettanto importante ma forse tutto questo è soltanto un mio modo di vedere le cose.
A volte sento il bisogno di allontanarmi dallo spinning per settimane o mesi fino a quando la vocina interiore mi chiamerà insistentemente e non potrò fare a meno di dissuaderla.
Secondo la medicina sportiva ogni disciplina sportiva procura particolari effetti benefici a livello fisico e mentale e secondo me lo spinning sicuramente ci mantiene allenati fisicamente ma credo che faccia bene soprattutto alla sfera psico/emotiva, al nostro spirito.
Ultima modifica di maXimo il gio nov 24, 2011 1:43 pm, modificato 1 volta in totale.
...lui sà che è una sofferenza per il pesce anche se poi ritorna libero...il C&R è basilare per il vero Spinner.
Al mare bisogna avvicinarsi con sacralità e rispetto ed il fatto di avere una canna in mano come se fosse una bacchetta magica non autorizza ad esaudire i desideri di avidità e sfruttamento.
__________________________________________________________________________________________________
Solo sul mare si è davvero liberi. (E.G. O'Neill)

Avatar utente
mimmus
Moderatore
Messaggi: 9253
Iscritto il: mar gen 08, 2008 6:11 pm
Località: Calabria

Re: "L'altra" dimensione dello spinning

Messaggio da mimmus » dom nov 20, 2011 8:16 am

Potrebbe anche ... far male :!:
Far male al portafogli, sicuramente. Ma anche alla schiena, alla cervice, alla spalla.
Per non parlare ai rapporti familiari. E lo stress, per i continui viaggi in auto e i cappotti?
:-D :-D :-D
Mimmo Viggiani

"Non sono malato e non sono morto anche se mi hanno ucciso molte volte"

Avatar utente
maXimo
Senior Member
Messaggi: 1391
Iscritto il: ven gen 08, 2010 12:27 pm
Località: Gargano

Re: "L'altra" dimensione dello spinning

Messaggio da maXimo » dom nov 20, 2011 9:33 pm

Mimmo nonostante tutto....stiamo ancora quà a parlarne chissà perchè..... :-D
un motivo ci sarà?
...lui sà che è una sofferenza per il pesce anche se poi ritorna libero...il C&R è basilare per il vero Spinner.
Al mare bisogna avvicinarsi con sacralità e rispetto ed il fatto di avere una canna in mano come se fosse una bacchetta magica non autorizza ad esaudire i desideri di avidità e sfruttamento.
__________________________________________________________________________________________________
Solo sul mare si è davvero liberi. (E.G. O'Neill)

Avatar utente
fedeselargius
Senior Member
Messaggi: 1043
Iscritto il: gio lug 29, 2010 1:46 am
Località: Selargius

Re: "L'altra" dimensione dello spinning

Messaggio da fedeselargius » dom nov 20, 2011 10:15 pm

I cappotti non sono mai stati un problema, ho sempre vissuto la pesca a iniziare da quando facevo beach ledgering e surfcasting come godimento per il contatto diretto col mare, più che per la pesca in sé. diciamo che i cappotti possono far rodere ma personalmente non mi hanno mai fatto desistere dall'andare a pesca nonostante fossero continui (come ultimamente cavolo :smt074 ). pure oggi mare sulla carta pefetto e nemmeno una pinna, ma quella sensazione che provi quando vedi l'onda arrivare e impattare sugli scogli e il senso di pace che ti dà il mare è tanto bello quanto la scossa di adrenalina che ti dà un pesce. e io non riesco a intendere la pesca e i pescatori in modo diverso
Federico Murenu

BRUNO.Z.
Senior Member
Messaggi: 1650
Iscritto il: sab giu 18, 2011 6:51 pm
Località: oristano

Re: "L'altra" dimensione dello spinning

Messaggio da BRUNO.Z. » lun nov 21, 2011 6:57 am

fedeselargius ha scritto:I cappotti non sono mai stati un problema, ho sempre vissuto la pesca a iniziare da quando facevo beach ledgering e surfcasting come godimento per il contatto diretto col mare, più che per la pesca in sé. diciamo che i cappotti possono far rodere ma personalmente non mi hanno mai fatto desistere dall'andare a pesca nonostante fossero continui (come ultimamente cavolo :smt074 ). pure oggi mare sulla carta pefetto e nemmeno una pinna, ma quella sensazione che provi quando vedi l'onda arrivare e impattare sugli scogli e il senso di pace che ti dà il mare è tanto bello quanto la scossa di adrenalina che ti dà un pesce. e io non riesco a intendere la pesca e i pescatori in modo diverso
Quoto! ho provato tutti i tipi di pesca da terra,dalla bolognese alla pesca a fondo,al surf casting,quello vero insegnato dai maestri Sandro meloni e Alberto belfiori nei primi anni ottanta,pesca che a catture mi ha dato di più.
ma lo spinning,quello vero con mare mosso,quando all'alba,magari a gennaio col freddo che non ti fa sentire mani e piedi e non vedi anima viva,e sei solo tu,con la tua canna e una manciata di artificiali a caccia di spigole,(quelle con la esse maiuscola)mi ha fatto abbandonare da tempo tutte le altre tecniche,nonostante sia la pesca più faticosa e meno fruttuosa,e il sollecito da parte di amici di rispolverare la mia attrezzatura da surf. :smt023 :smt023

BRUNO
Chi c'è c'è,chi non c'è non c'è!!!
BRUNO ZANCUDI.

Avatar utente
eagle78
Senior Member
Messaggi: 1147
Iscritto il: lun nov 08, 2010 7:02 pm
Località: prov. di benevento, ma pesco dal Cilento alla Calabria

Re: "L'altra" dimensione dello spinning

Messaggio da eagle78 » mar nov 22, 2011 12:54 am

fedeselargius ha scritto: ma quella sensazione che provi quando vedi l'onda arrivare e impattare sugli scogli e il senso di pace che ti dà il mare è tanto bello quanto la scossa di adrenalina che ti dà un pesce. e io non riesco a intendere la pesca e i pescatori in modo diverso
E' la stessa mia sensazione, se fosse possibile, starei in spiaggia, in scogliera o in foce un giorno si e l'altro pure :-D
erminio

"Una pessima giornata di pesca è sempre meglio di una stupida giornata di lavoro" (Ernest Hemingway)

Avatar utente
maXimo
Senior Member
Messaggi: 1391
Iscritto il: ven gen 08, 2010 12:27 pm
Località: Gargano

Re: "L'altra" dimensione dello spinning

Messaggio da maXimo » gio nov 24, 2011 12:43 pm

fedeselargius ha scritto: ma quella sensazione che provi quando vedi l'onda arrivare e impattare sugli scogli e il senso di pace che ti dà il mare è tanto bello quanto la scossa di adrenalina che ti dà un pesce. e io non riesco a intendere la pesca e i pescatori in modo diverso
eagle78 ha scritto:E' la stessa mia sensazione, se fosse possibile, starei in spiaggia, in scogliera o in foce un giorno si e l'altro pure :-D
sardynian bass ha scritto:ma lo spinning,quello vero con mare mosso,quando all'alba,magari a gennaio col freddo che non ti fa sentire mani e piedi e non vedi anima viva,e sei solo tu,con la tua canna e una manciata di artificiali a caccia di spigole,(quelle con la esse maiuscola)

...infatti io non riesco a trovare una scusa migliore dello spinning per stare a contatto così intimamente con il mare....per questo poi alla fine non ne puoi fare a meno perchè magari ricorderai il senso di dinamicità e controllo che la padronanza della tecnica riesce a trasmetterti,ricorederai sicuramente la botta secca sulla canna e la lotta con il "mega" predatore di turno ma quello che ti mancherà di più è quella senzazione amplificata di spazio e di liberta che soltanto stando vicino al mare puoi assaporare... :smt030
...lui sà che è una sofferenza per il pesce anche se poi ritorna libero...il C&R è basilare per il vero Spinner.
Al mare bisogna avvicinarsi con sacralità e rispetto ed il fatto di avere una canna in mano come se fosse una bacchetta magica non autorizza ad esaudire i desideri di avidità e sfruttamento.
__________________________________________________________________________________________________
Solo sul mare si è davvero liberi. (E.G. O'Neill)

Avatar utente
gt75
Member
Messaggi: 100
Iscritto il: dom lug 10, 2011 7:08 pm
Località: Marina di Ragusa

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da gt75 » gio nov 24, 2011 11:18 pm

Tutte sante parole.Il contatto con il mare e' solo il sentiero che percorriamo,onda dopo onda,metro dopo metro,secondo dopo secondo,per raggiungere quello che sentiamo essere il punto di arrivo,la destinazione tanto agognata e sudata,la lenza che si blocca...
Un percorso cosi lungo,che inizia gia' quando il nostro pensiero vola proprio li,tra il verde smeraldo e il bianco della schiuma e il nero scoglio;Ogni giorno,dovunque siamo,qualsiasi cosa facciamo,pensiamo"e' ora di andare" e si parte.
Tutto per quel secondo,quel secondo atteso con ansia e trepidazione,quando poi tutto finisce e hai ricevuto il dono,ti rendi conto che non e' il punto di arrivo,lo senti,e' solo un punto del sentiero,pronto da subito a riprendere il tuo cammino, quel sentiero iniziato chissa' dove ,chissa' quando....
Gaetano

Avatar utente
sirakaos
Member
Messaggi: 147
Iscritto il: sab lug 16, 2011 2:13 pm
Località: siracusa

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da sirakaos » ven nov 25, 2011 10:48 pm

Quoto Tutti :grin: :grin:
Le sensazioni e le emozioni che ti da il mare...................
luigi

Avatar utente
maXimo
Senior Member
Messaggi: 1391
Iscritto il: ven gen 08, 2010 12:27 pm
Località: Gargano

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da maXimo » mar dic 20, 2011 10:12 pm

gt75 ha scritto:Tutte sante parole.Il contatto con il mare e' solo il sentiero che percorriamo,onda dopo onda,metro dopo metro,secondo dopo secondo,per raggiungere quello che sentiamo essere il punto di arrivo,la destinazione tanto agognata e sudata,la lenza che si blocca...
Un percorso cosi lungo,che inizia gia' quando il nostro pensiero vola proprio li,tra il verde smeraldo e il bianco della schiuma e il nero scoglio;Ogni giorno,dovunque siamo,qualsiasi cosa facciamo,pensiamo"e' ora di andare" e si parte.
Tutto per quel secondo,quel secondo atteso con ansia e trepidazione,quando poi tutto finisce e hai ricevuto il dono,ti rendi conto che non e' il punto di arrivo,lo senti,e' solo un punto del sentiero,pronto da subito a riprendere il tuo cammino, quel sentiero iniziato chissa' dove ,chissa' quando....
davvero belle le tue parole che ovviamente condivido!
...lui sà che è una sofferenza per il pesce anche se poi ritorna libero...il C&R è basilare per il vero Spinner.
Al mare bisogna avvicinarsi con sacralità e rispetto ed il fatto di avere una canna in mano come se fosse una bacchetta magica non autorizza ad esaudire i desideri di avidità e sfruttamento.
__________________________________________________________________________________________________
Solo sul mare si è davvero liberi. (E.G. O'Neill)

Avatar utente
yxus80
Senior Member
Messaggi: 290
Iscritto il: sab nov 22, 2008 9:14 pm
Località: Ragusa

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da yxus80 » mar dic 20, 2011 11:35 pm

gt75 ha scritto:Tutte sante parole.Il contatto con il mare e' solo il sentiero che percorriamo,onda dopo onda,metro dopo metro,secondo dopo secondo,per raggiungere quello che sentiamo essere il punto di arrivo,la destinazione tanto agognata e sudata,la lenza che si blocca...
Un percorso cosi lungo,che inizia gia' quando il nostro pensiero vola proprio li,tra il verde smeraldo e il bianco della schiuma e il nero scoglio;Ogni giorno,dovunque siamo,qualsiasi cosa facciamo,pensiamo"e' ora di andare" e si parte.
Tutto per quel secondo,quel secondo atteso con ansia e trepidazione,quando poi tutto finisce e hai ricevuto il dono,ti rendi conto che non e' il punto di arrivo,lo senti,e' solo un punto del sentiero,pronto da subito a riprendere il tuo cammino, quel sentiero iniziato chissa' dove ,chissa' quando....
...che belle parole!!!

...non ti credevo pure poeta :smt038
Emilio

Avatar utente
LeoLan
Member
Messaggi: 147
Iscritto il: mer mag 20, 2009 10:13 am
Località: Sesto F.no
Contatta:

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da LeoLan » mer dic 21, 2011 11:22 am

yxus80 ha scritto:
gt75 ha scritto:Tutte sante parole.Il contatto con il mare e' solo il sentiero che percorriamo,onda dopo onda,metro dopo metro,secondo dopo secondo,per raggiungere quello che sentiamo essere il punto di arrivo,la destinazione tanto agognata e sudata,la lenza che si blocca...
Un percorso cosi lungo,che inizia gia' quando il nostro pensiero vola proprio li,tra il verde smeraldo e il bianco della schiuma e il nero scoglio;Ogni giorno,dovunque siamo,qualsiasi cosa facciamo,pensiamo"e' ora di andare" e si parte.
Tutto per quel secondo,quel secondo atteso con ansia e trepidazione,quando poi tutto finisce e hai ricevuto il dono,ti rendi conto che non e' il punto di arrivo,lo senti,e' solo un punto del sentiero,pronto da subito a riprendere il tuo cammino, quel sentiero iniziato chissa' dove ,chissa' quando....
...e quando guarderai la tua preda, e magari la riconoscerai perchè avete già una volta almeno incrociato il vostro sentiero, ti renderai conto della pienezza del tuo essere.
Landi Leonardo

MiChELe71
Member
Messaggi: 152
Iscritto il: sab apr 24, 2010 6:39 pm

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da MiChELe71 » dom dic 25, 2011 9:58 pm

di sicuro tutto quello che ci lega al nostro hobby non si misursa con la tecnica ma con la passione. :-D

Avatar utente
maXimo
Senior Member
Messaggi: 1391
Iscritto il: ven gen 08, 2010 12:27 pm
Località: Gargano

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da maXimo » gio dic 29, 2011 10:43 pm

MiChELe71 ha scritto:di sicuro tutto quello che ci lega al nostro hobby non si misursa con la tecnica ma con la passione. :-D

certamente la padronanza della tecnica da una certa senzazione di soddisfazione personale...riuscire a risolvere una giornata votata al cappotto facendo affidamento sulle proprie capacità non ha prezzo! probabilmente però quello che renderà speciale quella giornata di pesca e che ricorderemo a lungo sono ben altro genere di esperienze ed emozioni...
...lui sà che è una sofferenza per il pesce anche se poi ritorna libero...il C&R è basilare per il vero Spinner.
Al mare bisogna avvicinarsi con sacralità e rispetto ed il fatto di avere una canna in mano come se fosse una bacchetta magica non autorizza ad esaudire i desideri di avidità e sfruttamento.
__________________________________________________________________________________________________
Solo sul mare si è davvero liberi. (E.G. O'Neill)

Avatar utente
gt75
Member
Messaggi: 100
Iscritto il: dom lug 10, 2011 7:08 pm
Località: Marina di Ragusa

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da gt75 » dom gen 01, 2012 1:37 am

Be'...il difficile e' rendere in parole le emozioni.Molte di loro sono cosi' intense che rimangono dentro,anche perche' sarebbe impossibile descriverle. :smt049 :smt024
Gaetano

MiChELe71
Member
Messaggi: 152
Iscritto il: sab apr 24, 2010 6:39 pm

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da MiChELe71 » mer mar 14, 2012 1:28 am

maXimo ha scritto:
MiChELe71 ha scritto:di sicuro tutto quello che ci lega al nostro hobby non si misursa con la tecnica ma con la passione. :-D

certamente la padronanza della tecnica da una certa senzazione di soddisfazione personale...riuscire a risolvere una giornata votata al cappotto facendo affidamento sulle proprie capacità non ha prezzo! probabilmente però quello che renderà speciale quella giornata di pesca e che ricorderemo a lungo sono ben altro genere di esperienze ed emozioni...

anche se veniamo da percorsi e tecniche diversi quello che ci accomuna tutti è la passionaccia :smt023

Avatar utente
maXimo
Senior Member
Messaggi: 1391
Iscritto il: ven gen 08, 2010 12:27 pm
Località: Gargano

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da maXimo » mer mar 14, 2012 2:41 am

MiChELe71 ha scritto:anche se veniamo da percorsi e tecniche diversi quello che ci accomuna tutti è la passionaccia :smt023
mi sono appossionato allo spinning sin dà subito ed infatti anche i miei amici mi guardavano in modo strano perchè non riuscivano a capire bene cosa volessi...e sinceramente nemmeno io riuscivo a capirlo: sentirsi un novello e convinto spinner in una zona come la mia dove in acque interne i pesci da spinning praticamente non esistono? forse nella mia vita precedente sarò stato un lanciatore o probabilmente un pazzo perchè altrimenti non si spiegherebbe il fatto che mi son fatto anche 100 km di strada in gelide giornate con una vespa 50 truccata per andare a lanciare a cavedani nel fiume Ofanto; poi alla fine degli anni ottanta quando si iniziava a capire che si potesse fare dello spinninig anche in salt water non stavo più nella pelle al solo pensiero delle prede che avrei potuto insidiare e per giunta avevo il mare a pochi chilometri da me,stranamente però dopo i primi buoni risultati ho mollato tutto,anche da giovani non mancano i "conflitti di interesse... " :-D
a volte però le cose "importanti" della vita che non si riesce a metabolizzare a comprendere appieno e si lasciano in sospeso prima o poi ti vengono a cercare e allora bisogna fare i conti...per me questo momento è venuto anche per lo spinning ed infatti da qualche anno sono di nuovo invischiato in questa maledetta "passionaccia"... :( :smt021
...lui sà che è una sofferenza per il pesce anche se poi ritorna libero...il C&R è basilare per il vero Spinner.
Al mare bisogna avvicinarsi con sacralità e rispetto ed il fatto di avere una canna in mano come se fosse una bacchetta magica non autorizza ad esaudire i desideri di avidità e sfruttamento.
__________________________________________________________________________________________________
Solo sul mare si è davvero liberi. (E.G. O'Neill)

Avatar utente
Matteo_Prato
Senior Member
Messaggi: 2149
Iscritto il: gio feb 07, 2008 7:18 pm
Località: Prov. Savona

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da Matteo_Prato » mer mar 14, 2012 1:03 pm

E' una bella droga.. spesso dura, vedi levatacce alle 4 del mattino per poter pescare quelle 2 o 3 ore prima del lavoro, ma l'emozione è unica.
Concordo che potrebbe far male... ma tra le tante cose alternitive che potemmo metterci a fare forse questi sono i mali minori :grin:
MSN nettuno.sv@hotmail.it - Skype matteo.prato
facebook Matteo Prato
........................................................
http://www.youtube.com/watch?gl=IT&hl=it&v=YFN2XZaG2dk
http://www.youtube.com/watch?v=QWNcB20r2iQ
http://www.youtube.com/watch?v=uTdmvxpI5JE

Avatar utente
maXimo
Senior Member
Messaggi: 1391
Iscritto il: ven gen 08, 2010 12:27 pm
Località: Gargano

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da maXimo » mer mar 21, 2012 1:32 am

Matteo_Prato ha scritto:E' una bella droga.. spesso dura, vedi levatacce alle 4 del mattino per poter pescare quelle 2 o 3 ore prima del lavoro, ma l'emozione è unica.
Concordo che potrebbe far male... ma tra le tante cose alternitive che potemmo metterci a fare forse questi sono i mali minori :grin:

Nonostante le levataccie,qualche cappotto,qualche soldo di troppo speso e tutto il tempo che gli abbiamo dedicato se dovessimo tirare le somme siamo sempre debitori nei confronti del nostro hobby....
In che senso può far male lo spinning? :grin:
...lui sà che è una sofferenza per il pesce anche se poi ritorna libero...il C&R è basilare per il vero Spinner.
Al mare bisogna avvicinarsi con sacralità e rispetto ed il fatto di avere una canna in mano come se fosse una bacchetta magica non autorizza ad esaudire i desideri di avidità e sfruttamento.
__________________________________________________________________________________________________
Solo sul mare si è davvero liberi. (E.G. O'Neill)

Avatar utente
Matteo_Prato
Senior Member
Messaggi: 2149
Iscritto il: gio feb 07, 2008 7:18 pm
Località: Prov. Savona

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da Matteo_Prato » mer mar 21, 2012 11:57 am

Potrebbe far male perchè:
Non bisogna trascurare la propria donna, il lavoro, e non lasciarsi prendere troppo a fare acquisti di esche e altra attrezzatura :-D
MSN nettuno.sv@hotmail.it - Skype matteo.prato
facebook Matteo Prato
........................................................
http://www.youtube.com/watch?gl=IT&hl=it&v=YFN2XZaG2dk
http://www.youtube.com/watch?v=QWNcB20r2iQ
http://www.youtube.com/watch?v=uTdmvxpI5JE

Avatar utente
maXimo
Senior Member
Messaggi: 1391
Iscritto il: ven gen 08, 2010 12:27 pm
Località: Gargano

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da maXimo » mer mar 21, 2012 12:56 pm

Matteo_Prato ha scritto:Potrebbe far male perchè:
Non bisogna trascurare la propria donna, il lavoro, e non lasciarsi prendere troppo a fare acquisti di esche e altra attrezzatura :-D
sui due primi aspetti forse non sono in difetto è sugli acquisti di artificiali ed atrezzatura varia che faccio davvero fatica a trattenermi,comunque secondo mè il tempo dedicato allo spinning è tempo dedicato a noi stessi,passare un pò di ore in totale solitudine aiuta a ritrovarsi a guardarsi dentro e a ricaricarci un pò e purtroppo tra lavoro ed impegni vari diventa sempre più difficile riuscire a ritagliarci un pò di tempo soltanto per noi.
...lui sà che è una sofferenza per il pesce anche se poi ritorna libero...il C&R è basilare per il vero Spinner.
Al mare bisogna avvicinarsi con sacralità e rispetto ed il fatto di avere una canna in mano come se fosse una bacchetta magica non autorizza ad esaudire i desideri di avidità e sfruttamento.
__________________________________________________________________________________________________
Solo sul mare si è davvero liberi. (E.G. O'Neill)

Avatar utente
rikysea
Member
Messaggi: 55
Iscritto il: mar nov 23, 2010 8:25 pm
Località: napoli

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da rikysea » gio mar 22, 2012 2:16 pm

maXimo ha scritto:A volte ho la senzazione che nello spinning sia esaltato un certo tecnicismo che per certi aspetti risulta un pò troppo esasperato, sia se cosideriamo l'aspetto strettamente tecnico della disciplina ma anche e soprattutto se prendiamo in considerazione il nostro modo di viverlo e di "percepirlo" nella nostra esperienza personale,quando siamo con i nostri amici o da soli a lanciare,oppure quando ne parliamo qui nel forum,ormai Seaspin "E' " la tecnica dello spinning in mare ma a volte sembra quasi che l'aspetto prettamente tecnico sia esaltato sopra ogni cosa,trascurando forse la dimensione più "semplice" ed emotiva che credo sia altrettanto importante ma forse tutto questo è soltanto un mio modo di vedere le cose.
A volte sento il bisogno di allontanarmi dallo spinning per settimane o mesi fino a quando la vocina interiore mi chiamerà insistentemente e non potrò fare a meno di dissuaderla.
Secondo la medicina sportiva ogni disciplina sportiva procura particolari effetti benefici a livello fisico e mentale e secondo me lo spinning sicuramente ci mantiene allenati fisicamente ma credo che faccia bene soprattutto alla sfera psico/emotiva, al nostro spirito.
la penso perfettamente come te, :smt023
sopratutto quando vedo il rincorrere forsennatamente le ultime diavolerie tecniche in uscita sul mercato e non godere e apprendere dal mare "semplicemente"...inoltre questo "tecnicismo" porta all'elevata dose di competizione che non credevo potesse esistere nella pesca.
RICCARDO
SALTWATER ADDICT

Avatar utente
maXimo
Senior Member
Messaggi: 1391
Iscritto il: ven gen 08, 2010 12:27 pm
Località: Gargano

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da maXimo » gio mar 22, 2012 10:14 pm

rikysea ha scritto:la penso perfettamente come te, :smt023
sopratutto quando vedo il rincorrere forsennatamente le ultime diavolerie tecniche in uscita sul mercato e non godere e apprendere dal mare "semplicemente"...inoltre questo "tecnicismo" porta all'elevata dose di competizione che non credevo potesse esistere nella pesca.
capisco cosa vuoi dire quando dici che non siamo capaci di godere e apprendere dal mare semplicemente,speso già all'inizio quando impostiamo la nostra battutta di pesca i nostri pensieri volano sull'aspetto tecnico,sul tipo di artificiale e di recuperò,se abbiamo la canna giusta o abbiamo sbagliato a comprarla :grin: di conseguenza perdiamo la possibilità di "leggere" e capire i segnali che il mare che ci manda perchè siamo deconcentrati e soprattutto non riusciamo a godere di quelle poche ore in riva al mare!
rikysea ha scritto:...inoltre questo "tecnicismo" porta all'elevata dose di competizione che non credevo potesse esistere nella pesca.
precisamente a quale competizione fai riferimento?
...lui sà che è una sofferenza per il pesce anche se poi ritorna libero...il C&R è basilare per il vero Spinner.
Al mare bisogna avvicinarsi con sacralità e rispetto ed il fatto di avere una canna in mano come se fosse una bacchetta magica non autorizza ad esaudire i desideri di avidità e sfruttamento.
__________________________________________________________________________________________________
Solo sul mare si è davvero liberi. (E.G. O'Neill)

Avatar utente
rikysea
Member
Messaggi: 55
Iscritto il: mar nov 23, 2010 8:25 pm
Località: napoli

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da rikysea » ven mar 23, 2012 5:52 pm

rikysea ha scritto:...inoltre questo "tecnicismo" porta all'elevata dose di competizione che non credevo potesse esistere nella pesca.
precisamente a quale competizione fai riferimento?
forse sarà solo la mia esperienza...competizione tra gruppi, forum, ed anche singole persone che vantano canne, artificiali e conoscenze infinite o mire di successo a discapito di altri...io cerco il mare per riempirmi l'animo e basta.
:smt039
RICCARDO
SALTWATER ADDICT

MiChELe71
Member
Messaggi: 152
Iscritto il: sab apr 24, 2010 6:39 pm

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da MiChELe71 » gio gen 03, 2013 10:05 pm

rikysea ha scritto:
precisamente a quale competizione fai riferimento?
forse sarà solo la mia esperienza...competizione tra gruppi, forum, ed anche singole persone che vantano canne, artificiali e conoscenze infinite o mire di successo a discapito di altri...io cerco il mare per riempirmi l'animo e basta.
:smt039
i predatori scarseggiano e oramai sono queste le soddisfazioni :-D :-D :-D

Avatar utente
Tempesta
Senior Member
Messaggi: 6204
Iscritto il: mer ott 12, 2005 7:49 am
Località: Grosseto

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da Tempesta » dom gen 06, 2013 5:55 pm

Matteo_Prato ha scritto:Potrebbe far male perchè:
Non bisogna trascurare la propria donna, il lavoro, e non lasciarsi prendere troppo a fare acquisti di esche e altra attrezzatura :-D
Se si esagera si diventa portatori sani di corna e tasche vuote :smt005 :smt005 :smt023
[b]Mai dimenticare chi siamo e da dove veniamo.[/b]

Avatar utente
maXimo
Senior Member
Messaggi: 1391
Iscritto il: ven gen 08, 2010 12:27 pm
Località: Gargano

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da maXimo » lun gen 07, 2013 2:25 am

Tempesta ha scritto:
Matteo_Prato ha scritto:Potrebbe far male perchè:
Non bisogna trascurare la propria donna, il lavoro, e non lasciarsi prendere troppo a fare acquisti di esche e altra attrezzatura :-D
Se si esagera si diventa portatori sani di corna e tasche vuote :smt005 :smt005 :smt023
in questi tempi di sconvolgimenti economici e morali dobbiamo essere realistici e rinunciare alle false certezze...le donne ed il lavoro non sono più una sicurezza per cui diamo valore alle nostre passioni che sono sempre un porto sicuro dove rifugiarsi... :-D
...lui sà che è una sofferenza per il pesce anche se poi ritorna libero...il C&R è basilare per il vero Spinner.
Al mare bisogna avvicinarsi con sacralità e rispetto ed il fatto di avere una canna in mano come se fosse una bacchetta magica non autorizza ad esaudire i desideri di avidità e sfruttamento.
__________________________________________________________________________________________________
Solo sul mare si è davvero liberi. (E.G. O'Neill)

Avatar utente
Tempesta
Senior Member
Messaggi: 6204
Iscritto il: mer ott 12, 2005 7:49 am
Località: Grosseto

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da Tempesta » mar gen 08, 2013 11:13 pm

Buona questa :lol: :lol: :smt023
[b]Mai dimenticare chi siamo e da dove veniamo.[/b]

Ivanpi80
New Entry
Messaggi: 15
Iscritto il: gio gen 27, 2011 10:48 am
Località: Hinterland CA

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da Ivanpi80 » lun gen 14, 2013 11:10 am

Per esperienza concordo pienamente con maximo :smt038

Avatar utente
maXimo
Senior Member
Messaggi: 1391
Iscritto il: ven gen 08, 2010 12:27 pm
Località: Gargano

Re: "L'altra dimensione" dello spinning

Messaggio da maXimo » dom nov 22, 2015 8:12 pm

Una pescata allunga la vita. Ecco i benefici della pesca che aiuta a condurre una vita più sana e più felice. E lo dice una ricerca scientifica.
http://www.italianfishingtv.it/una-pesc ... lla-pesca/
...lui sà che è una sofferenza per il pesce anche se poi ritorna libero...il C&R è basilare per il vero Spinner.
Al mare bisogna avvicinarsi con sacralità e rispetto ed il fatto di avere una canna in mano come se fosse una bacchetta magica non autorizza ad esaudire i desideri di avidità e sfruttamento.
__________________________________________________________________________________________________
Solo sul mare si è davvero liberi. (E.G. O'Neill)

Rispondi