Close-up pesci marini: il "Tampaxsaurus Tiberinus"

Per salutare i tuoi amici o semplicemente cazzeggiare anche su argomenti non strettamente legati al mondo della pesca.

Moderatori: Staff Seaspin, Staff Moderatori

Rispondi
Avatar utente
Nihira
Senior Member
Messaggi: 2115
Iscritto il: mar lug 17, 2007 5:06 pm
Località: Roma

Close-up pesci marini: il "Tampaxsaurus Tiberinus"

Messaggio da Nihira » mar lug 20, 2010 3:08 pm

Da una interessante chiaccherata con Davide sulle diverse specie che popolano le rispettive coste, abbiamo scoperto con stupore una singolare proliferazione, lungo le coste tirreniche, di una specie forse non molto conosciuta ed apprezzata dal punto di vista sportivo, ma certamente dall'elevato valore commerciale (se non altro per l'elevato numero di esemplari commercializzati ... :-D ).

Ho saputo che dalle sue parti se ne prendono diversi esemplari per sera, tutti di discreta taglia, sui 7 hg...
quì da noi ... (foce del Tevere) ce n'è una sottospecie autoctona locale: trattasi dei ... Tampaxsauri Tiberinii ...

certi esemplari che vi lascio immaginare ...
... :smt005 :smt005

In certi periodi pare che vadano in frega :-D :smt005 ... si radunano in enormi banchi in foce con l'alta marea (che è il momento migliore per fregarli :smt023 ) e dopo aver assolto le loro funzioni riproduttive ridiscendono la foce con la bassa marea in numerosi gruppi sparsi, però in quei momenti è difficile fregarli per via della forte corrente a causa della quale non si riesce a stare bene in pesca :smt023 :smt005

La cosa figa è che vanno in frega durante tutto l'arco dell'anno, ... anche se sto cercando di capire come mai in alcuni periodi pare ci siano dei picchi, credo che ci sia una qualche influenza delle fasi Lunari, dicono che la Luna piena provochi ... flussi migratori più abbondanti!!! :smt005

Sicuramente anche le piogge danno il loro contributo: molti esemplari infatti stazionano per qualche tempo in tane lungo le sponde (molto probabilmente scavate dai roditori giganti), poi alla prima piena decidono che è tempo di tornare al mare ...

Ho notato che ce ne sono anche di altre specie che frequentano gli stessi ambienti (non credo però che si possano ibridare), sono quelli "piatti" che però (come i rombi) si prendono di più in inverno, alcuni di taglie anche molto più grandi ... sentiste come tirano (per gli amanti del "No Limits" :smt023 ) .

Sono molto ricercati dai professionisti locali che li prendono con apposite reti con le quali chiudono quasi completamente la foce per non dargli scampo! Fortunatamente qualche spiraglio per il passaggio delle barche devono comunque lasciarlo, e quindi almeno qualche esemplare si salva garantendo la riproduzione, la sopravvivenza della specie ed il ripopolamento di tutta la fascia di mare circostante per km e km. Quelli che vengono catturati dai professionisti locali pare che vengano utilizzati anche per innescare i palamiti per Tarponi giganti (una specie molto diffusa lungo le grandi foci Tirreniche ...) ma per poter essere efficaci devono essere utilizzati molto freschi ... infatti dopo un certo periodo di permanenza in mare perdono tutte le loro peculiarità attrattive/olfattive ...

Ho sentito dire che quì da noi ci sono dei giganteschi allevamenti che però hanno spesso la funzione di "impianti di ripopolamento", in quanto a causa di malfunzionamenti vari ( :smt021 ), sono spesso costretti a liberarne enormi quantitativi in acque pubbliche, per la gioia di tutti noi pescatori che aspettiamo trepidanti con ansia questi rari momenti preziosi (oddio ... forse non sono poi così rari); dagli addetti al settore questi allevamenti vengono chiamati con un nome strano, che non ha nulla a che vedere con la funzione che hanno: li chiamano "Depuratori" ... mah ... stranezze tecnico/etimologiche :smt102

Un'ultima curiosità ... a differenza della maggior parte delle altre specie catturabili a Spinning che sono prevalentemente Pelagiche oppure Bentoniche, o Costiere ... questa particolare specie è un po' onnipresente e tende a colonizzare sia le acque del sotto-costa come quelle più aperte anche a diverse miglia di distanza anche se ovviamente in minor numero (preferendo sempre comunque i "tagli" di corrente che pertanto sono un ottimo riferimento per chi si volesse dedicare con costanza alla ricerca di tale specie anche in altura) .
Gli ambienti d'elezione comunque, in cui poter effettuare con profitto una "caccia" mirata, restano le grandi foci e, secondariamente, gli ambienti portuali (in questo il "Tampaxsaurus Tiberinus" può forse essere accomunato al Pesce Serra).
Gli artificiali che rendono maggiormente sono probabilmente i "top-water" che danno sicuramente il maggior numero di catture e consentono di effettuare una pesca "a vista", seguiti a ruota da i minnow che patiscono forse un maggior numero di toccate a vuoto ma possono essere utilizzati anche in "blind", che può forse essere più emozionante in quanto regala la cattura inaspettata (tra i minnows sono da preferire "Long-jerk" per aumentare la gittata e coprire una maggior fascia d'acqua ed avere maggiori chances, sia pescando in "blind", sia quando gli esemplari stazionino a distanze maggiori); tutti gli artificiali devono rigorosamente essere armati con ancorette, infatti con gli ami singoli si ha un numero impressionante di ... "agganci mancati".
Per quanto riguarda l'attrezzatura direi ... più o meno la solita, prediligendo però canne un po' più lunghe per favorire la gittata che in alcuni casi può fare la differenza (tanto l'azione di recupero non richiede particolari finezze: un recupero regolare più o meno veloce a seconda della corrente è quello più redditizio).
Sempre a vantaggio della gittata si opta per trecciati leggeri: max 15-17 lb, infatti il "Tampaxsaurus Tiberinus" non da particolari problemi durante il recupero. Anche la solitamente delicata fase di salpaggio non comporta particolari problemi e può essere effettuata "al volo", tranne nei casi di esemplari "Extra-Large" (specie con canne ultra-light) ... in questi casi un capace guadino può metterci al riparo da spiacevoli sorprese: slamatura a mezz'aria o ... peggio ... rottura della canna; nel primo caso comunque non è improbabile che il "Tampaxsaurus Tiberinus" si lasci ricatturare una seconda volta immediatamente dopo, a meno che non sprofondi verso batimetriche più elevate.
In ogni caso non è una cattura particolarmente emozionante (se non forse per chi è alle prime armi) e quindi forse non da ricercare, ma, se dovesse capitare accidentalmente, io consiglierei il C&R (Catch&Rumenta = acchiappa e butta :smt023 ), dal momento che trattasi di una specie con tendenza a diventare infestante ... capisco tuttavia coloro che siano contrari a tale posizione, non tanto per motivi etici, quanto piuttosto per l'impressione che può fare specialmente le prime volte a chi non sia abituato a catturarne quotidianamente.

Comunque, volendo seguire l'auspicabile pratica di "cestinare" il pescato (solo ed esclusivamente per questa specie, mi raccomando :smt023 ), consiglio vivamente l'utilizzo di pinze per la slamatura e guanti in gomma (o comunque impermeabili) per la manipolazione del pescato, che deve essere prontamente riposto in sacchetti da inviare ai centri di raccolta specializzati (a Roma se ne occupa l'AMA ... altrove non so).

Sarebbe poi interessante raccogliere una statistica sui dati di cattura in italia, per avere indirettamente un riscontro sull'attività dei suddetti "impianti di ripopolamento" ... i cosiddetti "Depuratori" :-D
(... fatemi sapere che ne pensate di quest'idea )

Ciaooo,
Max
Ciao, Massimiliano (... Nihira "L'ORIGINALE" ... diffidate delle "imitazioni" :smt023 )
So long, and thanks for all the fish
Immagine
"i pescatori sanno che il mare è pericoloso e la tempesta terribile, ma non hanno mai trovato in questi pericoli una ragione sufficiente per restare a riva"
(Vincent Van Gogh)
-L'importante è non smettere di fare domande.
-Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa.
-Non hai veramente capito qualcosa fino a quando non sei in grado di spiegarlo a tua nonna.
-Il caso è la via che Dio usa quando vuole restare anonimo.

(A. Einstein)
e Nemo disse: "... ma Sandy Plancton ha detto che ..."
e Marlin rispose: "CHI?!! Sandy Plancton??!! Ma scusa, ... dopo aver attraversato tutto l'oceano pensi che io ne sappia meno di Sandy Plancton???"
"... si può però morire ... vivendo sempre solo per sentito dire"
(L.Ligabue)


Immagine

Avatar utente
sardocontinentale
Member
Messaggi: 128
Iscritto il: mar giu 08, 2010 11:30 am
Località: Roma

Messaggio da sardocontinentale » mar lug 20, 2010 3:40 pm

Sei fuori :smt005

Considerata la bella penna e creatività, che ne dici di aprire close up specifici sia sul Profilacticus Usatus che sul Bastoncinus Auriculus (semper) Usatus?

Anch'essi sono infestanti e legati agli stessi spot, il primo allamato dalla testa oppone poca resistenza, ma se lo prendi alla base tende a gonfiarsi ed a mettere a repentaglio l'integrità finanche delle montature da 30 lbs.

Il Bastoncinus Auriculus viene catturato con montature molto sottili, se fresco di giornata ha delle macchie giallo arancio alle estremità che tendono a scomparire con il tempo, allamato alle estremità non oppone resistenza, ma preso al centro inizia a frullare l'acqua producendo schizzi marroni che non sono di fango.

Sono tutti frutto della "stronzizzazione galoppante" delle menti umane: tanti piccoli gesti apparentemente insignificanti che diventano, se applicati da molti, un grande problema.
[img]http://i385.photobucket.com/albums/oo291/sardocontinentale/Gianicolo/DSC_0390d.jpg[/img]
Giovanni Mura

Avatar utente
Davide
senior old forum
Messaggi: 12841
Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Località: (Zena)

Messaggio da Davide » mar lug 20, 2010 4:02 pm

L'ha fatto davvero! :smt005
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!

Avatar utente
cricchetto
Member
Messaggi: 182
Iscritto il: dom set 02, 2007 11:20 am
Località: Tor S. Lorenzo

Messaggio da cricchetto » mar lug 20, 2010 4:19 pm

Massi... mi è crollato un mito!!!! :lol: :lol:

Pensavo fossi una delle pochissime persone serie che conosco :smt018

MITICO :smt023
Ciao, Massimiliano

... gente come noi può stare tranquilla solo su una scogliera

Avatar utente
Nihira
Senior Member
Messaggi: 2115
Iscritto il: mar lug 17, 2007 5:06 pm
Località: Roma

Messaggio da Nihira » mar lug 20, 2010 5:11 pm

Davide ha scritto:L'ha fatto davvero! :smt005
che credevi ? ... io sono uno di parola :-D :-D
cricchetto ha scritto:Massi... mi è crollato un mito!!!! :lol: :lol:

Pensavo fossi una delle pochissime persone serie che conosco :smt018

MITICO :smt023
... e sono serissimo anche quando cazzeggio :-D :smt005

eppoi dai tra le righe c'è un messaggio "ambientalista" ... più serio di così :-D

... comunque io penso che si debba essere seri quando serve ... ed essere in grado di non prendersi troppo sul serio e farsi due risate quando si può :-D

e poi dai oggi è il mio compleanno e ci ho voglia di festeggiare c@@zzeggiando un po' :-D

Ciao a tutti ... e grazie delle recenti e piacevoli (anche se poco produttive) pescate insieme :grin:
Ciao, Massimiliano (... Nihira "L'ORIGINALE" ... diffidate delle "imitazioni" :smt023 )
So long, and thanks for all the fish
Immagine
"i pescatori sanno che il mare è pericoloso e la tempesta terribile, ma non hanno mai trovato in questi pericoli una ragione sufficiente per restare a riva"
(Vincent Van Gogh)
-L'importante è non smettere di fare domande.
-Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa.
-Non hai veramente capito qualcosa fino a quando non sei in grado di spiegarlo a tua nonna.
-Il caso è la via che Dio usa quando vuole restare anonimo.

(A. Einstein)
e Nemo disse: "... ma Sandy Plancton ha detto che ..."
e Marlin rispose: "CHI?!! Sandy Plancton??!! Ma scusa, ... dopo aver attraversato tutto l'oceano pensi che io ne sappia meno di Sandy Plancton???"
"... si può però morire ... vivendo sempre solo per sentito dire"
(L.Ligabue)


Immagine

Avatar utente
Armando
Senior Member
Messaggi: 4458
Iscritto il: mar giu 07, 2005 11:35 am
Località: Montichiari BS

Messaggio da Armando » mar lug 20, 2010 5:21 pm

Leggo ora l'interessante segnalazione naturalistica del collega.

Aggiungo qualche nota anche per il Tampaxsaurus nella varietà Italicus (non localizzato come il Tiberinus) soprattutto per le acque del nord Italia che io frequento. Anche gli Italicus popolano i fiumi, che probabilmente risalgono per deporre come i salmoni, le steelhead e le cheppie.
In effetti se ne trova non solo nei fiumi di fondo valle, ma perfino in alto nei torrenti montani, dove si localizzano allo sbocco delle acque superficiali venenti dai ridenti paesini di montagna, probabilmente per l'alto tasso di ossigenazione che le caratterizza.
Anche nelle acque dolci del resto della Penisola è diffusa, oltre alla specie Tampaxsaurus propriamente detta, più rotonda e che tende essenzialmente ad intanarsi, anche la specie Linesius Setaultrius a cui accenna sopra il collega, più appiattita e che non usa imbucarsi. In verità quest'ultima specie appare in calo, forse perchè l'habitat favorevole al primo si estende sempre di più.
La misura più o meno è sempre quella, indipendentemente dal fiume ...
anche se è dimostrato che nei pressi delle grandi città si trovano gli esemplari più grandi.
Armando
[size=75]

_______________________

Ricorda:
- presentati a seaspin nell'apposita sezione
- non porre domande su argomenti già aperti
- proponi solo foto rispettose dei pesci e in ambiente naturale
- se ravvisi un problema parlane prima in privato coi moderatori [/size]

Avatar utente
Nihira
Senior Member
Messaggi: 2115
Iscritto il: mar lug 17, 2007 5:06 pm
Località: Roma

Messaggio da Nihira » mar lug 20, 2010 5:31 pm

Armando ha scritto:
...
la specie Linesius Setaultrius a cui accenna sopra il collega, più appiattita e che non usa imbucarsi. In verità quest'ultima specie appare in calo, forse perchè l'habitat favorevole al primo si estende sempre di più.
... è dimostrato che nei pressi delle grandi città si trovano gli esemplari più grandi.
:smt005 :smt005 :smt005 :smt005 :smt005
:smt005 :smt005 :smt005 :smt005 :smt005
:smt005 :smt005
Ciao, Massimiliano (... Nihira "L'ORIGINALE" ... diffidate delle "imitazioni" :smt023 )
So long, and thanks for all the fish
Immagine
"i pescatori sanno che il mare è pericoloso e la tempesta terribile, ma non hanno mai trovato in questi pericoli una ragione sufficiente per restare a riva"
(Vincent Van Gogh)
-L'importante è non smettere di fare domande.
-Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa.
-Non hai veramente capito qualcosa fino a quando non sei in grado di spiegarlo a tua nonna.
-Il caso è la via che Dio usa quando vuole restare anonimo.

(A. Einstein)
e Nemo disse: "... ma Sandy Plancton ha detto che ..."
e Marlin rispose: "CHI?!! Sandy Plancton??!! Ma scusa, ... dopo aver attraversato tutto l'oceano pensi che io ne sappia meno di Sandy Plancton???"
"... si può però morire ... vivendo sempre solo per sentito dire"
(L.Ligabue)


Immagine

marshal
Senior Member
Messaggi: 943
Iscritto il: lun giu 06, 2005 9:13 am
Località: Roma

Re: Close-up pesci marini: il "Tampaxsaurus Tiberinus&a

Messaggio da marshal » mer lug 21, 2010 7:08 am

Nihira ha scritto: La cosa figa è che vanno in frega durante tutto l'arco dell'anno, ... anche se sto cercando di capire come mai in alcuni periodi pare ci siano dei picchi, credo che ci sia una qualche influenza delle fasi Lunari, dicono che la Luna piena provochi ... flussi migratori più abbondanti!!! :smt005

Max

Le frequentazione quasi quotidiana (abitavo in zone limitrofe) di codesto segretissimo spot fino all'anno 2005 (poi ho preferito catturare altre specie) mi ha fatto notare che nei periodi in cui vi è un picco di codesta specie, il Profilacticus Usatus sparisce quasi completamente.
E' evidente l'incopatibilità tra le 2 specie, anche se non riesco a comprendere bene il motivo e l'influenza dell'una sull'altra.


Mario
Ultima modifica di marshal il mer lug 21, 2010 7:59 am, modificato 1 volta in totale.

Nathz
Senior Member
Messaggi: 548
Iscritto il: ven set 04, 2009 1:12 pm
Località: Policoro (MT)

Messaggio da Nathz » mer lug 21, 2010 7:47 am

Segnalo una grossa zona di frega anche qui sui nostri fiumi, in piu' vorrei segnalare anche la presenza (sembra parassitaria) del fazzolettinus volgarens che si ritrova costantemente nelle stesse zone dei profillaticus usatus.

Aggiungo che sulla zona, solitamente vengono rilevati avvistamenti particolari, nei recessi piu' bui degli argini, luci notturne che fendono il buio seguite da momenti di calma e poi da strani versi che ancora non sono stati decifrati dagli studiosi.
Si pensa che sia il modo di comunicare di qualche entita' aliena :smt102 e spesso qualche "studioso" si apposta nei pressi per OSSERVARE e studiare il fenomeno attivando l'operazione masturbatenten occulten.
Saluti!
Raffaele

----------
Franchino INTERREGIONALE del Team dei FRANCHINI!!!

Avatar utente
Nihira
Senior Member
Messaggi: 2115
Iscritto il: mar lug 17, 2007 5:06 pm
Località: Roma

Re: Close-up pesci marini: il "Tampaxsaurus Tiberinus&a

Messaggio da Nihira » mer lug 21, 2010 8:34 am

marshal ha scritto: ...
nei periodi in cui vi è un picco di codesta specie, il Profilacticus Usatus sparisce quasi completamente.
E' evidente l'incopatibilità tra le 2 specie, anche se non riesco a comprendere bene il motivo e l'influenza dell'una sull'altra.


Mario
é verissimo!!!! anch'io ero giunto alla medesima conclusione!! ... credo che l'abbondante presenza del primo ... crei condizioni poco favorevoli per il secondo ... :smt023

Max
Ciao, Massimiliano (... Nihira "L'ORIGINALE" ... diffidate delle "imitazioni" :smt023 )
So long, and thanks for all the fish
Immagine
"i pescatori sanno che il mare è pericoloso e la tempesta terribile, ma non hanno mai trovato in questi pericoli una ragione sufficiente per restare a riva"
(Vincent Van Gogh)
-L'importante è non smettere di fare domande.
-Tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, finché arriva uno sprovveduto che non lo sa e la inventa.
-Non hai veramente capito qualcosa fino a quando non sei in grado di spiegarlo a tua nonna.
-Il caso è la via che Dio usa quando vuole restare anonimo.

(A. Einstein)
e Nemo disse: "... ma Sandy Plancton ha detto che ..."
e Marlin rispose: "CHI?!! Sandy Plancton??!! Ma scusa, ... dopo aver attraversato tutto l'oceano pensi che io ne sappia meno di Sandy Plancton???"
"... si può però morire ... vivendo sempre solo per sentito dire"
(L.Ligabue)


Immagine

Avatar utente
Armando
Senior Member
Messaggi: 4458
Iscritto il: mar giu 07, 2005 11:35 am
Località: Montichiari BS

Messaggio da Armando » mer lug 21, 2010 9:35 am

Certo che il biondo Tevere è una risorsa non indifferente.
Se ad esempio qualcuno dopo aver pescato fin dall'alba, si sente stanco ... ecco che il fiume amico gli porta qualcosa per riposare

Immagine
Armando
[size=75]

_______________________

Ricorda:
- presentati a seaspin nell'apposita sezione
- non porre domande su argomenti già aperti
- proponi solo foto rispettose dei pesci e in ambiente naturale
- se ravvisi un problema parlane prima in privato coi moderatori [/size]

Avatar utente
sardocontinentale
Member
Messaggi: 128
Iscritto il: mar giu 08, 2010 11:30 am
Località: Roma

Re: Close-up pesci marini: il "Tampaxsaurus Tiberinus&a

Messaggio da sardocontinentale » mer lug 21, 2010 12:19 pm

Nihira ha scritto:
marshal ha scritto: ...
nei periodi in cui vi è un picco di codesta specie, il Profilacticus Usatus sparisce quasi completamente.
E' evidente l'incopatibilità tra le 2 specie, anche se non riesco a comprendere bene il motivo e l'influenza dell'una sull'altra.


Mario
é verissimo!!!! anch'io ero giunto alla medesima conclusione!! ... credo che l'abbondante presenza del primo ... crei condizioni poco favorevoli per il secondo ... :smt023

Max
Tutto ciò va a supportare le ultime scoperte di etologi di fama internazionale, che hanno scoperto la frequentazione da parte del Profilacticus Usatus delle stesse tane abbandonate dal Tampaxaurus Tiberinus, per poi tornare mensilmente a cedergli il posto.
[img]http://i385.photobucket.com/albums/oo291/sardocontinentale/Gianicolo/DSC_0390d.jpg[/img]
Giovanni Mura

Avatar utente
Pierluigi
Operatore pesca sportiva
Messaggi: 3290
Iscritto il: gio ott 26, 2006 11:56 am
Località: Catanzaro
Contatta:

Re: Close-up pesci marini: il "Tampaxsaurus Tiberinus&a

Messaggio da Pierluigi » mer lug 21, 2010 3:28 pm

sardocontinentale ha scritto: Tutto ciò va a supportare le ultime scoperte di etologi di fama internazionale, che hanno scoperto la frequentazione da parte del Profilacticus Usatus delle stesse tane abbandonate dal Tampaxaurus Tiberinus, per poi tornare mensilmente a cedergli il posto.
Già!
Decisamente "competizione di specie": non possono assolutamente coesistere nello stesso habitat! :smt009
"che cos'è il genio?...è fantasia, intuizione, decisione e velocità d'esecuzione..." (Amici miei)
G.Loomis Pro Staff
http://www.fishwithgloomis.it

Avatar utente
cricchetto
Member
Messaggi: 182
Iscritto il: dom set 02, 2007 11:20 am
Località: Tor S. Lorenzo

Messaggio da cricchetto » mer lug 21, 2010 3:49 pm

Nihira ha scritto: e poi dai oggi è il mio compleanno e ci ho voglia di festeggiare c@@zzeggiando un po' :-D

Ciao a tutti ... e grazie delle recenti e piacevoli (anche se poco produttive) pescate insieme :grin:
...E allora tanti auguri Max!!!!! :smt023

Pescate poco produttive??? e le seppie al primo lancio?? :lol:

Scusate l'OT
Ciao, Massimiliano

... gente come noi può stare tranquilla solo su una scogliera

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Re: Close-up pesci marini: il "Tampaxsaurus Tiberinus&a

Messaggio da BallaCoiPersici » mer lug 21, 2010 4:05 pm

sardocontinentale ha scritto:
Nihira ha scritto:
marshal ha scritto: ...
nei periodi in cui vi è un picco di codesta specie, il Profilacticus Usatus sparisce quasi completamente.
E' evidente l'incopatibilità tra le 2 specie, anche se non riesco a comprendere bene il motivo e l'influenza dell'una sull'altra.


Mario
é verissimo!!!! anch'io ero giunto alla medesima conclusione!! ... credo che l'abbondante presenza del primo ... crei condizioni poco favorevoli per il secondo ... :smt023

Max
Tutto ciò va a supportare le ultime scoperte di etologi di fama internazionale, che hanno scoperto la frequentazione da parte del Profilacticus Usatus delle stesse tane abbandonate dal Tampaxaurus Tiberinus, per poi tornare mensilmente a cedergli il posto.
In realtà, egregi colleghi, vi sono recenti studi del Federal Institute of Ciclyc Activities (F.I.C.A.) presso il Dipartimento di Biologia Vulvare dell'Università di Baltimora Marittima che hanno riscontrato una significativa aggressività dei profilattiformidi i quali non esitano, stante l'indole opportunista ad occupare con veemente rapidità e bramosia le tane dei <i>Tampaxaurus</i> allorquando lasciate, anche solo per qualche istante, incustodite.

Non meno interessante la scoperta che talune tane, particolarmente vocate, sono sovente occupate da più soggetti del genere <i>profilatticus</i> che hanno sviluppato un'indole gregaria.
Tale fenomeno, classificato come "gangbangendemtria" puó avvenire con rapidi avvicendamenti nelle tane ma anche, per le cavità più capienti, con vere e proprie adunanze contemporanee di più soggetti all'interno di esse.
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Avatar utente
magnifico
Staff Seaspin
Messaggi: 867
Iscritto il: sab giu 18, 2005 3:51 am
Località: Italia

Messaggio da magnifico » mer lug 21, 2010 4:37 pm

Certo che il caldo è una brutta rogna..... :smt030 :smt030 :smt033 :smt033 :smt040 :smt040 :smt040 :smt040 :smt040
Ola
roost
Mi so responsabie de queo che DIGO,
no de queo che te CAPISSI ti!!

Avatar utente
sardocontinentale
Member
Messaggi: 128
Iscritto il: mar giu 08, 2010 11:30 am
Località: Roma

Messaggio da sardocontinentale » mer lug 21, 2010 7:03 pm

roosterfish ha scritto:Certo che il caldo è una brutta rogna..... :smt030 :smt030 :smt033 :smt033 :smt040 :smt040 :smt040 :smt040 :smt040
Ola
roost
Anche con il freddo... se si è cazzari dentro! :smt005
[img]http://i385.photobucket.com/albums/oo291/sardocontinentale/Gianicolo/DSC_0390d.jpg[/img]
Giovanni Mura

Nathz
Senior Member
Messaggi: 548
Iscritto il: ven set 04, 2009 1:12 pm
Località: Policoro (MT)

Messaggio da Nathz » gio lug 22, 2010 8:24 am

sardocontinentale ha scritto:
roosterfish ha scritto:Certo che il caldo è una brutta rogna..... :smt030 :smt030 :smt033 :smt033 :smt040 :smt040 :smt040 :smt040 :smt040
Ola
roost
Anche con il freddo... se si è cazzari dentro! :smt005
E pure con le famose "mezze stagioni" che non ci sono piu'!!!
:smt005
Saluti!
Raffaele

----------
Franchino INTERREGIONALE del Team dei FRANCHINI!!!

Rispondi