legambiente, greenpeace & energie alternative

Per salutare i tuoi amici o semplicemente cazzeggiare anche su argomenti non strettamente legati al mondo della pesca.

Moderatori: Staff Seaspin, Staff Moderatori

Avatar utente
knives cs
Senior Member
Messaggi: 302
Iscritto il: mar set 11, 2007 10:21 pm
Località: cosenza-pisa

legambiente, greenpeace & energie alternative

Messaggio da knives cs » mar apr 27, 2010 10:37 pm

le ultime notizie sul nucleare e la petizione di legambiente, così come anche la nostalgia per il servizio che facevo prima ed ora ho interrotto mi hanno fatto ronzare in testa l'idea di tesserarmi con una di queste due associazioni...

greenpeace sembra volere un impegno più attivo e forse radicale, mentre legambiente mi sembra più diplomatica e teorica. insomma entrambe fanno ottime cose con metodi diversi

avete esperienze al riguardo?

:smt023
CLAUDIO!
La pesca è uno sport inventato dagli insetti e voi siete l’esca. (P.J. O’Rourke)

Avatar utente
mimmus
Moderatore
Messaggi: 9268
Iscritto il: mar gen 08, 2008 6:11 pm
Località: Calabria

Messaggio da mimmus » mer apr 28, 2010 9:58 am

Ti parlo con l'esperienza di oltre vent'anni, dai Verdi, passando per il WWF fino a piccoli gruppi di nicchia, che si occupavano solo di studi, ricerche e tutela degli uccelli rapaci.
Ci ho creduto parecchio, ci ho investito anni e anni della mia vita, non conoscevo feste, riposo, ho spalato merda e carne decomposta, sono andato a recuperare animali feriti a centinaia di km di distanza a mie spese, ho portato carcasse di pecora in cima a colline sperdute per favorire il pranzo agli uccelli necrofagi, insomma di tutto...
Ma in quelle associazioni c'era ancora un germe di impegno e di lotta, bastava un taglio di alberi inopportuno o l'apertura di una stradella montana, per scatenare sopralluoghi, denunce e ricorsi.
Adesso è morto tutto o quasi. Il WWF è un carrozzone strutturato come una SpA, decine di stipendiati negli uffici e nella gestione delle riserve, pagati con i miei contributi (sono ancora iscritto per ragioni "sentimentali" :oops: ).
Legambiente è un partito politico vergognoso, che sta svendendo il paesaggio italiano all'eolico senza giustificazione, appoggiando scelte assurde (es. le centrali a biomasse!) in nome di un pragmatismo che, in realtà, è solo vendita al miglior offerente (es. qua stanno radendo a zero boschi di alberi centenari per bruciarli un centrali "pulite" :smt005)
Potrei andare avanti per ore a raccontarti le magagne che ho visto.

Decisamente meglio Greenpeace o Seasheperd, se ne hai voglia.


P.S. Aspettati un intervento di BcP :-D
Mimmo Viggiani

"Non sono malato e non sono morto anche se mi hanno ucciso molte volte"

Avatar utente
Esox
Senior Member
Messaggi: 1628
Iscritto il: dom dic 21, 2008 1:36 pm
Località: Un pò a nord di civitanova marche (MC) pesco nel LAGO ADRIATICO

Messaggio da Esox » mer apr 28, 2010 11:22 am

Mimmo ti sei scordato anche il mio di intervento! :-D

SEA SHEPHERD!!!

Attualmente sono i più attivi e determinati ed i risultati si vedono!
Elia ______________________ Immagine SEMPRE!
http://www.seashepherd.it il sito italiano!
ho sentito dire che c'è un tipo di pesca che si chiama spinning!!!!
Crisi nera, ossessione da serra, gravi sintomi manifestati!

Avatar utente
DanielSR
Senior Member
Messaggi: 415
Iscritto il: mar nov 07, 2006 10:50 am
Località: Maremma

Messaggio da DanielSR » mer apr 28, 2010 1:15 pm

Tra le due decisamente meglio greenpeace.

Se sei particolarmente interessanto a fare attivismo per l'ambiente marino, cetacei, specie minacciate, eccecc allora come ti è stato detto la scelta migliore è Sea Shepherd.

Io faccio parte del gruppo italiano, in estate vorrei anche diventare volontario ufficialmente. Se ti interessa la cosa o vuoi sapere cosa stiamo facendo qui in italia, o meglio qui in mediterraneo, contattami pure per qualunque informazione :smt023
Daniele
There is a pleasure in the pathless woods,
There is a rapture on the lonely shore,
There is society, where none intrudes,
By the deep sea, and music in its roar:
I love not man the less, but Nature more.


Collaboratore DUO e della rivista Pesca Spinning.

Avatar utente
Esox
Senior Member
Messaggi: 1628
Iscritto il: dom dic 21, 2008 1:36 pm
Località: Un pò a nord di civitanova marche (MC) pesco nel LAGO ADRIATICO

Messaggio da Esox » mer apr 28, 2010 1:50 pm

DanielSR ha scritto:Tra le due decisamente meglio greenpeace.

Se sei particolarmente interessanto a fare attivismo per l'ambiente marino, cetacei, specie minacciate, eccecc allora come ti è stato detto la scelta migliore è Sea Shepherd.

Io faccio parte del gruppo italiano, in estate vorrei anche diventare volontario ufficialmente. Se ti interessa la cosa o vuoi sapere cosa stiamo facendo qui in italia, o meglio qui in mediterraneo, contattami pure per qualunque informazione :smt023
Domani se vai a Roma, vedrai il lavoretto che ho preparato, sta sera lo spedisco... :grin:
Elia ______________________ Immagine SEMPRE!
http://www.seashepherd.it il sito italiano!
ho sentito dire che c'è un tipo di pesca che si chiama spinning!!!!
Crisi nera, ossessione da serra, gravi sintomi manifestati!

Avatar utente
knives cs
Senior Member
Messaggi: 302
Iscritto il: mar set 11, 2007 10:21 pm
Località: cosenza-pisa

Messaggio da knives cs » mer apr 28, 2010 2:12 pm

grazie a tutti per le risposte!
legambiente mi aveva dato l'impressione che avete detto, infatti quel "diplomatica" ha sia significato positivo che negativo...

greenpeace credo forse voglia un impegno più grande di quello che, purtroppo,forse ho possibilità di dare...

mi parlate un pò di sea shepherd?

comunque per esperienza personale in effetti di solito apprezzo proprio le associazioni di nicchia..danno più soddisfazione, c'è un rapporto più umano
CLAUDIO!
La pesca è uno sport inventato dagli insetti e voi siete l’esca. (P.J. O’Rourke)

Avatar utente
Esox
Senior Member
Messaggi: 1628
Iscritto il: dom dic 21, 2008 1:36 pm
Località: Un pò a nord di civitanova marche (MC) pesco nel LAGO ADRIATICO

Messaggio da Esox » mer apr 28, 2010 2:18 pm

Vai su youtube e cerca sea shepherd, guardati qualche video, cerca su google "ady gil", vai nel link della mia firma...infine giudica tu!
Elia ______________________ Immagine SEMPRE!
http://www.seashepherd.it il sito italiano!
ho sentito dire che c'è un tipo di pesca che si chiama spinning!!!!
Crisi nera, ossessione da serra, gravi sintomi manifestati!

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Messaggio da BallaCoiPersici » gio apr 29, 2010 9:18 am

mimmus ha scritto:P.S. Aspettati un intervento di BcP :-D
:-D

Sul WWF concordo con te (se poi diciamo che tra i fondatori c'è quello che era il presidente dell'Icmesa di Seveso abbiamo detto tutto :smt009 ) !

Greenpeace e altri simili (es. Seashepard) li vedo molto come centri sociali dall'ambientalismo alla sola ricerca di visibilità e senza ottenere sostanzialmente nulla di concreto per l'ambiente.
Finchè non arrivano i soldini, grazie al populismo che cavalcano, e diventano subito più mansueti e borghesi, con i capetti che diventano a tutti gli effetti degli imprenditori.

Mentre su Legambiente devo dire (e ti pareva, aggiungerà Mimmo :-D ) che sono, per come la vedo io, i meno peggio.
Quel pragmatismo che Mimmo indica come di facciata l'ho riscontrato invece nella realtà, in svariete situazioni.
La capacità di compromesso (certo, è politica, cosa non lo è ?) è come sempre quella vincente quando hai a che fare con Stati e multinazionali che pensano solo al business.
Ottenere il 50% sarà meno nobile e romantico che fare le barricate in piazza o gli arrembaggi antartici, ma molto più utile per l'ambiente, in concreto :wink: !

In generale comunque detesto abbastanza l'ambientalismo radical-chic, quello dei ricconi annoiati tanto per intenderci, e in Italia quasi solo quello si trova.

Quindi fossi in te non mi iscriverei a nulla e penserei a cosa fare di utile nei piccoli gesti quotidiani :wink: !

Ma se proprio ci tieni e dovessi consigliarti qualcuno sarebbe Legambiente :wink: !
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Messaggio da BallaCoiPersici » gio apr 29, 2010 9:34 am

Aggiungo, sul nucleare, che a breve diventerà argomento caldo :-D , questa mappa (i siti nucleari in Europa, fonte http://www.florenworkshop.com/geonuc.bmp) .

Immagine

In sostanza, per ogni cittadino italiano, oggettivamente e inconfutabilmente:

A) rischi pari a quelli di avere un centrale nucleare in casa (ci salviamo solo se esplode quella slovena e non tira grecale per 5 anni :-D )
B) costi dell'energia, acquistata in gran parte dai paesi nucleari (Francia in primis), più alti d'Europa
C) fuga di cervelli all'estero (e ricordo che l'Euratom di Ispra - VA - era, prima del nefasto referendum populista e terroristico che ha ucciso il nucleare italiano, il centro europeo per la ricerca sull'atomo)

Non serve quindi fare altro che i conti della serva :wink: !
Oppure si può scegliere di fare la romantica battaglia contro i mulini a vento, prima in Italia e poi nazione per nazione a convincerli a togliere il nucleare.

E' giusto che ciascuno la pensi a modo suo :wink: !
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Avatar utente
mimmus
Moderatore
Messaggi: 9268
Iscritto il: mar gen 08, 2008 6:11 pm
Località: Calabria

Messaggio da mimmus » gio apr 29, 2010 10:02 am

Davanti a migliaia di pale eoliche inutili che stanno coprendo i più bei crinali del nostro Appennino, davanti a centrali "pulite" a biomasse (= caminetti a legna pregiata) che si stanno mangiando tutti i boschi più belli (BcP: quando vieni in Sila, ti faccio vedere..), mi sto vagamente convincendo che le centrali vecchio stile facevano il danno meno grave.

Il vero problema del nucleare tuttora irrisolto sono le scorie (e scusate se è poco...).
Poi c'è il fatto che, partendo ora con quel tipo di tecnologia, si finirà tra 10-15-20 anni con un risultato completamente obsoleto. Nel resto del mondo, ci sono solo due centrali in costruzione, per il resto sono completamente fermi.
In più, certi soggetti che ne sono tra i principali fautori politici, garantiscono davvero poco:
http://www.repubblica.it/cronaca/2010/0 ... a-3695898/

BcP: ti raccomando Legambiente!!! Sono capaci di salvaguardare il cacio-pecorino-di-roccaimperiale ma fottersene di un'autostrada con esbosco totale nel mezzo di un parco nazionale!
Mimmo Viggiani

"Non sono malato e non sono morto anche se mi hanno ucciso molte volte"

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Messaggio da BallaCoiPersici » gio apr 29, 2010 10:25 am

Come dicevo per me il mondo ambientalista può andare dove so io al completo :-D !

Ho solo detto che il meno peggio, a mio modo di vedere, è chi tenta di stare con i piedi per terra e mira ad un approccio razionale e non astrattamente ideologico.
Poi chiaro che tutti quanti hanno un prezzo e i valori al giorno d'oggi sono in svendita globale, quindi la "purezza" non sta in casa di nessuno e le vaccate prosperano.

Sul nucleare ovviamente il treno buono s'è perso col referendum dell'epoca (chi ha votato contro faccia mea culpa :-D ).
Ma ancora oggi non esistono ricerche manco banalmente verosimili che indichino fonti di energia più pulita del nucleare (che sia tutto dire concordo, ma le alternative disponibili per il prossimo trentennio le hai elencate anche te).

Le scorie sono un rischio, vero.
Ma secondo me il ragionamento da farsi è il seguente:
meglio un rischio ipotetico e statisticamente insignificante (di accadimento) con le scorie nucleari o la certezza matematica di inquinamento da combustibili fossili, abbruttimento ambientale con eolico e fotovoltaico, coste disseminate di rigassificatori, fiumi sbarrati da centrali, ecc. ecc. ?

Che nessuno stia costruendo centrali (non lo so, ma non ho motivo di dubitare di te che sei sempre molto ben informato) si spiegherebbe molto semplicemente col fatto che quelle esistenti coprono il fabbisogno (es. la Francia che vende energia a noi).

In ogni caso, pour parler, che metodi di produzione energetica alternativa al nucleare suggeriresti per far fronte alla previsione di fabbisogno ?
Ultima modifica di BallaCoiPersici il gio apr 29, 2010 10:33 am, modificato 1 volta in totale.
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Avatar utente
Esox
Senior Member
Messaggi: 1628
Iscritto il: dom dic 21, 2008 1:36 pm
Località: Un pò a nord di civitanova marche (MC) pesco nel LAGO ADRIATICO

Messaggio da Esox » gio apr 29, 2010 10:32 am

BallaCoiPersici ha scritto:
Greenpeace e altri simili (es. Seashepard) li vedo molto come centri sociali dall'ambientalismo alla sola ricerca di visibilità e senza ottenere sostanzialmente nulla di concreto per l'ambiente.
Ovviamente non sono d' accordo :grin:

Hai detto che sostanzialmente non ottengono nulla di concreto per l' ambiente, in base a cosa affermi ciò?

Riporto i risultati dell' ultima campagna antartica contro le baleniere giapponesi, sono numeri, oggettività più assoluta dunque.

Tant'è che a seguito di questi risultati, il giappone ha chiesto che venga riaperta la caccia commerciale alle balene per poter agire senza il disturbo di sea shepherd...


La campagna per la difesa delle balene condotta da Sea Shepherd salva 528 balene
L’Operazione Waltzing Matilda è un successo spettacolare

La flotta baleniera giapponese si era messa in mare, diretta verso il Santuario delle Balene dell’Oceano Antartico, con un permesso rilasciato dal governo giapponese in base al quale la flotta stessa avrebbe potuto uccidere 935 balenottere minori, che sono protette, 50 balenottere comuni, a rischio di estinzione, e 50 megattere, a rischio di estinzione. Il suo obiettivo era di uccidere un totale di 1035 balene.

L’intervento delle tre navi della Sea Shepherd Conservation Society ha impedito alla flotta di uccidere il numero completo di esemplari. I membri dell’equipaggio di Sea Shepherd hanno avuto successo nel ridurre tale quota di più della metà. Il successo nel salvare le megattere è stato pari al 100% e il successo nel salvare le balenottere comuni è stato del 98%.

Delle cinquanta megattere di cui era prevista l’uccisione, la flotta non ne ha uccisa neppure una.

Delle cinquanta balenottere comuni di cui era prevista l’uccisione, la flotta ne ha uccisa una soltanto.

Delle 935 balenottere minori di cui era prevista l’uccisione, la flotta ne ha uccise 506.

In totale, i balenieri giapponesi, che operano illegalmente, hanno ucciso 507 balene.

Sea Shepherd ha avuto successo nel salvare 528 balene: il più forte impatto che abbiamo avuto fino ad ora sul numero di balene di cui era prevista l’uccisione.


Per quanto riguarda il nucleare, la penso esattamente come mimmo, per quando saranno operative le centrali saranno obsolete ed il fatto che nessun paese punti alla costruzione di nuovi impianti dovrebbe far riflettere....
Elia ______________________ Immagine SEMPRE!
http://www.seashepherd.it il sito italiano!
ho sentito dire che c'è un tipo di pesca che si chiama spinning!!!!
Crisi nera, ossessione da serra, gravi sintomi manifestati!

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Messaggio da BallaCoiPersici » gio apr 29, 2010 10:35 am

Esox ha scritto:
BallaCoiPersici ha scritto:
Greenpeace e altri simili (es. Seashepard) li vedo molto come centri sociali dall'ambientalismo alla sola ricerca di visibilità e senza ottenere sostanzialmente nulla di concreto per l'ambiente.
Ovviamente non sono d' accordo :grin:

Hai detto che sostanzialmente non ottengono nulla di concreto per l' ambiente, in base a cosa affermi ciò?

Riporto i risultati dell' ultima campagna antartica contro le baleniere giapponesi, sono numeri, oggettività più assoluta dunque.

Tant'è che a seguito di questi risultati, il giappone ha chiesto che venga riaperta la caccia commerciale alle balene per poter agire senza il disturbo di sea shepherd...


La campagna per la difesa delle balene condotta da Sea Shepherd salva 528 balene
L’Operazione Waltzing Matilda è un successo spettacolare

La flotta baleniera giapponese si era messa in mare, diretta verso il Santuario delle Balene dell’Oceano Antartico, con un permesso rilasciato dal governo giapponese in base al quale la flotta stessa avrebbe potuto uccidere 935 balenottere minori, che sono protette, 50 balenottere comuni, a rischio di estinzione, e 50 megattere, a rischio di estinzione. Il suo obiettivo era di uccidere un totale di 1035 balene.

L’intervento delle tre navi della Sea Shepherd Conservation Society ha impedito alla flotta di uccidere il numero completo di esemplari. I membri dell’equipaggio di Sea Shepherd hanno avuto successo nel ridurre tale quota di più della metà. Il successo nel salvare le megattere è stato pari al 100% e il successo nel salvare le balenottere comuni è stato del 98%.

Delle cinquanta megattere di cui era prevista l’uccisione, la flotta non ne ha uccisa neppure una.

Delle cinquanta balenottere comuni di cui era prevista l’uccisione, la flotta ne ha uccisa una soltanto.

Delle 935 balenottere minori di cui era prevista l’uccisione, la flotta ne ha uccise 506.

In totale, i balenieri giapponesi, che operano illegalmente, hanno ucciso 507 balene.

Sea Shepherd ha avuto successo nel salvare 528 balene: il più forte impatto che abbiamo avuto fino ad ora sul numero di balene di cui era prevista l’uccisione.
La fonte di queste informazioni :wink: ?
Esox ha scritto:Per quanto riguarda il nucleare, la penso esattamente come mimmo, per quando saranno operative le centrali saranno obsolete ed il fatto che nessun paese punti alla costruzione di nuovi impianti dovrebbe far riflettere....
Faccio quindi anche a te la stessa domanda.

Alternative al nucleare ?
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Avatar utente
DanielSR
Senior Member
Messaggi: 415
Iscritto il: mar nov 07, 2006 10:50 am
Località: Maremma

Messaggio da DanielSR » gio apr 29, 2010 11:09 am

knives cs ha scritto:grazie a tutti per le risposte!
legambiente mi aveva dato l'impressione che avete detto, infatti quel "diplomatica" ha sia significato positivo che negativo...

greenpeace credo forse voglia un impegno più grande di quello che, purtroppo,forse ho possibilità di dare...

mi parlate un pò di sea shepherd?

comunque per esperienza personale in effetti di solito apprezzo proprio le associazioni di nicchia..danno più soddisfazione, c'è un rapporto più umano
Guarda quello che li differenzia principalmente dalle altre associazioni è che oltre alle varie propagande di sensibilizzazione agiscono direttamente contro i bracconieri, andando con le loro navi ad ostacolare e bloccare le operazioni illegali. E se li segui puoi benissimo vedere da te i risultati.

Sono sicuramente l'associazione più attiva di tutto il globo... ma con questo non voglio scoraggiarti. Perchè anche se hai poco tempo da casa tua puoi fare molto, anche il semplice far conoscere l'associazione ad amici o persone interessate all'argomento è qualcosa di molto utile per qualunque associazione con cui vuoi collaborare.
Daniele
There is a pleasure in the pathless woods,
There is a rapture on the lonely shore,
There is society, where none intrudes,
By the deep sea, and music in its roar:
I love not man the less, but Nature more.


Collaboratore DUO e della rivista Pesca Spinning.

Avatar utente
knives cs
Senior Member
Messaggi: 302
Iscritto il: mar set 11, 2007 10:21 pm
Località: cosenza-pisa

Messaggio da knives cs » gio apr 29, 2010 11:41 am

grazie ancora per l'interesse...

max certo la tua è una posizione molto pragmatica, ed effettivamente non si può non affermare che forse è la posizione anche più conveniente...visto che anche queste associazioni hanno un potere contrattuale decisamente più ridotto rispetto a quello degli stati o ancora peggio di chi gli sta dietro, i veri padroni e quelli che decidono sempre tutto fra di loro...

queste centrali si inizieranno a costruire entro 3 anni(ma i soldi escono all'improvviso?), più o meno lo stesso tempo necessario a sconfiggere il cancro :grin:

per la realizzazione avevo letto si parlasse di 5 anni...che in fondo è la migliore delle ipotesi,per cui 3+5=8....già otto anni tecnologicamente parlando sono un'enormità...non c'è il rischio di addossarci di nuovo tecnologie obsolete,considerando i tempi di costruzione?

poi per la fuga di cervelli mi sembra assurdo pensare che qualche centrale possa fermarli. e soprattutto... ma se si devono spendere soldi per ricerca e istruzione in ambito nucleare...perchè non spenderli per la ricerca di nuove fonti alternative? mi sembra che l'italia sia sempre l'ultima ad essere trascinata dalla corda del progresso... forse se i cervelli fuggono non è per mancanza di elementi su cui ricercare,ma per mancanza di denaro o comunque voglia di investire nella ricerca.

per quanto riguarda mimmo il problema non è tanto la bruttezza o l'obrobio degli impianti, ma come vengono utilizzati... ricordo dei ponti fra le isole greche stupendi...e posso dire che,anche se sono abbastanza estremo in certe cose, non mi dispiacevano affatto,anzi...
oppure c'è la soluzione degli eolici offshore...

poi quello delle scorie per me è già un motivo valido per non costruirne proprio...

sul rischio delle radiazioni sono d'accordo con max perchè ormai è presente e...sapete che la zona di cernobyl è diventata zona di riproduzione di una specie di cervi in via d'estinzione?

:grin:
CLAUDIO!
La pesca è uno sport inventato dagli insetti e voi siete l’esca. (P.J. O’Rourke)

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Messaggio da BallaCoiPersici » gio apr 29, 2010 12:51 pm

Il problema sostanziale è che finchè nessuno risponde alla domanda sulle alternative al nucleare, siamo nell'ambito del personale sentiment, del tutto lecito ma non necessariamente basato sul senso pratico.

E l'energia, che tutti consumiamo sempre di più, si produce con la praticità, non con le emozioni.

Ogni gioco ha il suo costo, facciamone una ragione e cerchiamo quello che costa meno e che impatta meno.
E sino a prova contraria, scientificamente parlando, il nucleare allo stato attuale, e in previsione per i prossimi trent'anni, è il sistema di produzione di energia a minor costo e a minor impatto ambientale, a breve, medio e lungo termine.

Questi i fatti oggettivi, riconosciuti a livello mondiale in ambito scientifico e politicamente mai messi in discussione nelle nazioni ove la politica, di qualsiasi colore, pensa a risolvere pragmaticamente i problemi.

Se vogliamo invece parlare dell'opinabile, per come la vedo io, trovo del tutto inutile, anzi poco etico, contestare iniziative che offrono una soluzione realizzabile se di contro non si ha un'alternativa valida e realizzabile da mettere sul tavolo.
Ma non è certo una novità nel nostro paese :smt009 !
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Avatar utente
mimmus
Moderatore
Messaggi: 9268
Iscritto il: mar gen 08, 2008 6:11 pm
Località: Calabria

Messaggio da mimmus » gio apr 29, 2010 1:09 pm

BallaCoiPersici ha scritto: E l'energia, che tutti consumiamo sempre di più, si produce con la praticità, non con le emozioni.
Esatto. Ogni tanto mi ricordo di essere un ingegnere, mi faccio due conti e vedo che le cose stanno proprio così.
Una cosa che si può fare è arrivare ad un mix assortito di fonti di energia, giusto per non dipendere solo dalla stessa. Ma, per arrivare solo al 20% di rinnovabile, come hanno fatto in Germania o in Danimarca, hanno dovuto piazzare pale eoliche ovunque (e lì vento ne hanno con regolarità e intensità sicuramente maggiori). Non so fino a che punta sia conveniente... D'altra parte, una pala eolica non è niente di irreversibile... pentendosene, si può anche toglierla di mezzo e ripristinare (quasi) l'ambiente ma metterle ovunque mi fa comunque orrore.
BallaCoiPersici ha scritto: Ogni gioco ha il suo costo, facciamone una ragione e cerchiamo quello che costa meno e che impatta meno.
E sino a prova contraria, scientificamente parlando, il nucleare allo stato attuale, e in previsione per i prossimi trent'anni, è il sistema di produzione di energia a minor costo e a minor impatto ambientale, a breve, medio e lungo termine.
Il problema vero sono le scorie: dove tenerle (non le vuole nessuno)? è giusto lasciarle in eredità alle generazioni future?

Per il rischio incidenti, lascio a voi l'opzione se accettare o meno il basso rischio (basso in termini percentuali... ma non in termini di danni...)
Mimmo Viggiani

"Non sono malato e non sono morto anche se mi hanno ucciso molte volte"

Avatar utente
Esox
Senior Member
Messaggi: 1628
Iscritto il: dom dic 21, 2008 1:36 pm
Località: Un pò a nord di civitanova marche (MC) pesco nel LAGO ADRIATICO

Messaggio da Esox » gio apr 29, 2010 1:18 pm

BallaCoiPersici ha scritto: La fonte di queste informazioni :wink: ?
http://www.usnews.com/science/articles/ ... arget.html

Poi se vuoi approfondire, puoi andare nel sito dell' istituto di ricerca giapponese sui cetacei http://www.icrwhale.org/eng-index.htm ma come potrai notare, il sito è antiquatissimo e malfunzionante...a dimostrazione di quanto ci tengano i giapponesi a condurre questa ricerca....
BallaCoiPersici ha scritto: Faccio quindi anche a te la stessa domanda.

Alternative al nucleare ?
Eventualmente ci sarebbe da trovare l' alternativa al petrolio, non al nuclere, comunque il solare al primo posto, poi c'è l' idrogeno che come abbiamo visto tutte le case hanno prodotto auto con celle ad idrogeno, quindi non capisco perchè non estendere il discorso anche per la produzione di energia elettrica e non solo per il trasporto.

D'altronde l' idrogeno è un ottimo vettore di energia...
Elia ______________________ Immagine SEMPRE!
http://www.seashepherd.it il sito italiano!
ho sentito dire che c'è un tipo di pesca che si chiama spinning!!!!
Crisi nera, ossessione da serra, gravi sintomi manifestati!

Avatar utente
Davide
senior old forum
Messaggi: 12841
Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Località: (Zena)

Messaggio da Davide » gio apr 29, 2010 1:20 pm

...a proposito di solare...

indagate un po' sullo smaltimento dei pannelli fotovoltaici e dei costi conseguenti... e indagate un po' sulla resa effettiva, in soldoni sonanti alla fine di tutto :-D

potrebbe essere divertente :-D
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Messaggio da BallaCoiPersici » gio apr 29, 2010 1:22 pm

mimmus ha scritto:
BallaCoiPersici ha scritto: E l'energia, che tutti consumiamo sempre di più, si produce con la praticità, non con le emozioni.
Esatto. Ogni tanto mi ricordo di essere un ingegnere, mi faccio due conti e vedo che le cose stanno proprio così.
Una cosa che si può fare è arrivare ad un mix assortito di fonti di energia, giusto per non dipendere solo dalla stessa. Ma, per arrivare solo al 20% di rinnovabile, come hanno fatto in Germania o in Danimarca, hanno dovuto piazzare pale eoliche ovunque (e lì vento ne hanno con regolarità e intensità sicuramente maggiori). Non so fino a che punta sia conveniente... D'altra parte, una pala eolica non è niente di irreversibile... pentendosene, si può anche toglierla di mezzo e ripristinare (quasi) l'ambiente ma metterle ovunque mi fa comunque orrore.
BallaCoiPersici ha scritto: Ogni gioco ha il suo costo, facciamone una ragione e cerchiamo quello che costa meno e che impatta meno.
E sino a prova contraria, scientificamente parlando, il nucleare allo stato attuale, e in previsione per i prossimi trent'anni, è il sistema di produzione di energia a minor costo e a minor impatto ambientale, a breve, medio e lungo termine.
Il problema vero sono le scorie: dove tenerle (non le vuole nessuno)? è giusto lasciarle in eredità alle generazioni future?

Per il rischio incidenti, lascio a voi l'opzione se accettare o meno il basso rischio (basso in termini percentuali... ma non in termini di danni...)
Beh, se non ho capito male gli accordi bilaterali prevedono che le scorie le smaltisca la Russia.

Certo non è che il problema si risolva spostandolo altrove ma c'è anche da dire che se sotterrano ventimila tonnellate (qualche migliaio di anni di energia per l'intero mondo) di scorie radiottive in siberia la possibilità che queste possano causare danni non è nemmeno statisticamente calcolabile :wink: !

Sugli incidenti basta pensare a Viareggio lo scorso anno :( !
Cos'era ? Butano ? Gas liquido insomma...

Un quartiere devastato e quanti morti ?

L'equivalente di un incidente nucleare minore, ovvero uno di quelli statisticamente considerabili allo 0,00X in un contesto di controllo e manutenzioe da società industrializzata avanzata (non pensiamo all'Ucraina degli anni ottanta insomma, dove le centrali del '45 tenute su a puntelli o andavano o il paese si spegneva) !
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Avatar utente
Esox
Senior Member
Messaggi: 1628
Iscritto il: dom dic 21, 2008 1:36 pm
Località: Un pò a nord di civitanova marche (MC) pesco nel LAGO ADRIATICO

Messaggio da Esox » gio apr 29, 2010 1:26 pm

Davide ha scritto:...a proposito di solare...

indagate un po' sullo smaltimento dei pannelli fotovoltaici e dei costi conseguenti... e indagate un po' sulla resa effettiva, in soldoni sonanti alla fine di tutto :-D

potrebbe essere divertente :-D
Esistono polizze assicurative che si stipulano al momento dell' installazione le quali si accollano le spese di smaltimento.

Per la resa, le case madri (parlo principalmente dei pannelli tedeschi non della cinesaglia) garantiscono nel contratto d' acquisto 20 anni con perdita massima 5%.

Se non fosse così i tedeschi sono stupidi... :grin:

Berlino – È stato inaugurato in Germania il più grande ''campo solare'' del mondo: è il Waldpolenz Solar Park, realizzato su un vecchio aeroporto di Lipsia, nella Germania dell'Est, che si estende per 110 ettari. La centrale, che sta per produrre 24 megawatt di elettricità, arriverà entro il 2009 a 40 megawatt, alimentando almeno 10.000 case e consentendo di risparmiare ogni anno almeno 25.000 tonnellate di carbonio. E il fenomeno non si limita a Waldpolenz. Anche Lipsia ospita tre dei 50 campi solari più grandi del mondo. E l'economia della zona - solo fino a pochi anni fa depressa - sta decollando. Perché i tedeschi non si limitano a istallare pannelli fotovoltaici, ma sviluppano in proprio le tecnologie innovative, che poi esportano. Nel 2007 l'economia tedesca è cresciuta del 2,5%, mentre i consumi di energia da combustibili fossili in Germania sono diminuiti del 5,6%, a dimostrazione del fatto che sviluppo economico e sostenibilità ambientale non sono necessariamente incompatibili.
Il governo tedesco dichiara di voler tagliare del 40% le emissioni di carbonio entro il 2020. Un obiettivo che è il doppio di quello che si è data l'Unione Europea. L'innovazione tedesca, infatti, si è sviluppata in due diversi settori: da un lato le tecnologie che consentono una maggiore efficienza energetica e, quindi, un minor consumo assoluto di energia. Dall'altro nuove tecnologie nel campo delle energie rinnovabili, in particolare dell'energia solare dove la Germania risulta essere leader mondiale e il maggiore esportatore di tecnologia del settore.
Elia ______________________ Immagine SEMPRE!
http://www.seashepherd.it il sito italiano!
ho sentito dire che c'è un tipo di pesca che si chiama spinning!!!!
Crisi nera, ossessione da serra, gravi sintomi manifestati!

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Messaggio da BallaCoiPersici » gio apr 29, 2010 1:36 pm

Esox ha scritto:
BallaCoiPersici ha scritto: La fonte di queste informazioni :wink: ?
http://www.usnews.com/science/articles/ ... arget.html

Poi se vuoi approfondire, puoi andare nel sito dell' istituto di ricerca giapponese sui cetacei http://www.icrwhale.org/eng-index.htm ma come potrai notare, il sito è antiquatissimo e malfunzionante...a dimostrazione di quanto ci tengano i giapponesi a condurre questa ricerca....?
Ok, vado a leggere :smt023 !
Esox ha scritto:
BallaCoiPersici ha scritto: Faccio quindi anche a te la stessa domanda.

Alternative al nucleare ?
Eventualmente ci sarebbe da trovare l' alternativa al petrolio, non al nuclere, comunque il solare al primo posto, poi c'è l' idrogeno che come abbiamo visto tutte le case hanno prodotto auto con celle ad idrogeno, quindi non capisco perchè non estendere il discorso anche per la produzione di energia elettrica e non solo per il trasporto.

D'altronde l' idrogeno è un ottimo vettore di energia...
Il problema sostanziale è che l'idrogeno non esiste come molecola semplice in natura, ma va estratto dall'acqua.
E allo stato attuale il dispendio di energia per produrlo supera la resa ovvero non è economico e inoltre il processo di estrazione impatta ambientalmente più di quanto non si eviterebbe di impattare usando l'idrogeno di risulta :smt105 !

Insomma, fantascienza a parte (e diciamolo, spesso queste amenità sono cavalli di battaglia dell'ambientalismo) allo stato attuale non ci sono alternative al nucleare (che a sua volta è l'alternativa, ribadisco, più economica e a minor impatto ambientale reale di ogni altra forma di produzione energetica).

Che poi volendo, basterebbe farsi una domanda per capire da soli la questione, ovvero:
ma al mondo sono tutti coglioni e tutti autolesionisti oppure ..... ?

:wink:
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Avatar utente
Davide
senior old forum
Messaggi: 12841
Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Località: (Zena)

Messaggio da Davide » gio apr 29, 2010 1:52 pm

Esox ha scritto:
Davide ha scritto:...a proposito di solare...

indagate un po' sullo smaltimento dei pannelli fotovoltaici e dei costi conseguenti... e indagate un po' sulla resa effettiva, in soldoni sonanti alla fine di tutto :-D

potrebbe essere divertente :-D
Esistono polizze assicurative che si stipulano al momento dell' installazione le quali si accollano le spese di smaltimento.

Per la resa, le case madri (parlo principalmente dei pannelli tedeschi non della cinesaglia) garantiscono nel contratto d' acquisto 20 anni con perdita massima 5%.

Se non fosse così i tedeschi sono stupidi... :grin:

Berlino – È stato inaugurato in Germania il più grande ''campo solare'' del mondo: è il Waldpolenz Solar Park, realizzato su un vecchio aeroporto di Lipsia, nella Germania dell'Est, che si estende per 110 ettari. La centrale, che sta per produrre 24 megawatt di elettricità, arriverà entro il 2009 a 40 megawatt, alimentando almeno 10.000 case e consentendo di risparmiare ogni anno almeno 25.000 tonnellate di carbonio. E il fenomeno non si limita a Waldpolenz. Anche Lipsia ospita tre dei 50 campi solari più grandi del mondo. E l'economia della zona - solo fino a pochi anni fa depressa - sta decollando. Perché i tedeschi non si limitano a istallare pannelli fotovoltaici, ma sviluppano in proprio le tecnologie innovative, che poi esportano. Nel 2007 l'economia tedesca è cresciuta del 2,5%, mentre i consumi di energia da combustibili fossili in Germania sono diminuiti del 5,6%, a dimostrazione del fatto che sviluppo economico e sostenibilità ambientale non sono necessariamente incompatibili.
Il governo tedesco dichiara di voler tagliare del 40% le emissioni di carbonio entro il 2020. Un obiettivo che è il doppio di quello che si è data l'Unione Europea. L'innovazione tedesca, infatti, si è sviluppata in due diversi settori: da un lato le tecnologie che consentono una maggiore efficienza energetica e, quindi, un minor consumo assoluto di energia. Dall'altro nuove tecnologie nel campo delle energie rinnovabili, in particolare dell'energia solare dove la Germania risulta essere leader mondiale e il maggiore esportatore di tecnologia del settore.
tutto bello, ma per i privati? :-D
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!

Avatar utente
Esox
Senior Member
Messaggi: 1628
Iscritto il: dom dic 21, 2008 1:36 pm
Località: Un pò a nord di civitanova marche (MC) pesco nel LAGO ADRIATICO

Messaggio da Esox » gio apr 29, 2010 1:53 pm

Quando è stato enunciato il primo principio della termodinamica, si conoscevano alcune cose ed altre no; passano gli anni si fanno nuove scoperte e teorie che prima erano su basi solide, ora traballano.

E' stato quindi enunciato il principio 0 della termodinamica che si rifà al primo.

Date anche un' occhiata alla cella di meyer o su youtube scrivete hydrogen tap, è una cosa simpatica!
Davide ha scritto:
tutto bello, ma per i privati? :-D
Il discorso delle polizze per lo smaltimento e della garanzia è per i privati, da me stanno costruendo un impianto di circa 27 ettari ed altri 2; uno da un ettaro e mezzo e l' altro da 5 ettari sono quasi ultimati.
Il discorso dell' aeroporto l' ho postato per dimostrare che negli altri paesi hanno una visuale diversa dalla nostra e se da una parte hanno più vento, dall' altra hanno anche meno sole...
Ultima modifica di Esox il gio apr 29, 2010 1:59 pm, modificato 1 volta in totale.
Elia ______________________ Immagine SEMPRE!
http://www.seashepherd.it il sito italiano!
ho sentito dire che c'è un tipo di pesca che si chiama spinning!!!!
Crisi nera, ossessione da serra, gravi sintomi manifestati!

Avatar utente
knives cs
Senior Member
Messaggi: 302
Iscritto il: mar set 11, 2007 10:21 pm
Località: cosenza-pisa

Messaggio da knives cs » gio apr 29, 2010 1:56 pm

bè se fai riferimento all'incidente di viareggio mi viene da pensare alla nave di cetraro!

coktail di fonti ok, ma che non sia una scusa per fermare la ricerca in fonti più pulite...

e poi ricordo sempre le pale eoliche offshore,certo più belle delle piattaforme petrolifere

è necessario questo nucleare? può darsi che sia necessario realmente,posso tollerarlo,ma non riesco proprio ad appoggiarlo
CLAUDIO!
La pesca è uno sport inventato dagli insetti e voi siete l’esca. (P.J. O’Rourke)

Avatar utente
Davide
senior old forum
Messaggi: 12841
Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Località: (Zena)

Messaggio da Davide » gio apr 29, 2010 2:04 pm

boh... avevo sentito cose turche sui costi di smaltimento e sulla reale convenienza del fotovoltaico, che, insomma, tanto ecologico poi non era... :smt023
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!

Avatar utente
mimmus
Moderatore
Messaggi: 9268
Iscritto il: mar gen 08, 2008 6:11 pm
Località: Calabria

Messaggio da mimmus » gio apr 29, 2010 2:12 pm

knives cs ha scritto: è necessario questo nucleare? può darsi che sia necessario realmente,posso tollerarlo,ma non riesco proprio ad appoggiarlo
Eh, propri così...

Comunque, inutile dare addosso ad una tecnologia fondamentalmente agli esordi come quella solare fotovoltaica.. conviene implementarla con ragionevolezza, favorirne la diffusione e lo sviluppo, anche addossandosi i suoi costi e la non-competitività, confidando nel futuro. Del resto, se ci pensiamo, questo povero Sole ci butta addosso tutta l'energia che ci serve :cool: Anche il carbone e il petrolio, sono energia solare conservata!
Mimmo Viggiani

"Non sono malato e non sono morto anche se mi hanno ucciso molte volte"

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Messaggio da BallaCoiPersici » gio apr 29, 2010 2:16 pm

Esox ha scritto:
Davide ha scritto:...a proposito di solare...

indagate un po' sullo smaltimento dei pannelli fotovoltaici e dei costi conseguenti... e indagate un po' sulla resa effettiva, in soldoni sonanti alla fine di tutto :-D

potrebbe essere divertente :-D
Esistono polizze assicurative che si stipulano al momento dell' installazione le quali si accollano le spese di smaltimento.

Per la resa, le case madri (parlo principalmente dei pannelli tedeschi non della cinesaglia) garantiscono nel contratto d' acquisto 20 anni con perdita massima 5%.

Se non fosse così i tedeschi sono stupidi... :grin:

Berlino – È stato inaugurato in Germania il più grande ''campo solare'' del mondo: è il Waldpolenz Solar Park, realizzato su un vecchio aeroporto di Lipsia, nella Germania dell'Est, che si estende per 110 ettari. La centrale, che sta per produrre 24 megawatt di elettricità, arriverà entro il 2009 a 40 megawatt, alimentando almeno 10.000 case e consentendo di risparmiare ogni anno almeno 25.000 tonnellate di carbonio. E il fenomeno non si limita a Waldpolenz. Anche Lipsia ospita tre dei 50 campi solari più grandi del mondo. E l'economia della zona - solo fino a pochi anni fa depressa - sta decollando. Perché i tedeschi non si limitano a istallare pannelli fotovoltaici, ma sviluppano in proprio le tecnologie innovative, che poi esportano. Nel 2007 l'economia tedesca è cresciuta del 2,5%, mentre i consumi di energia da combustibili fossili in Germania sono diminuiti del 5,6%, a dimostrazione del fatto che sviluppo economico e sostenibilità ambientale non sono necessariamente incompatibili.
Il governo tedesco dichiara di voler tagliare del 40% le emissioni di carbonio entro il 2020. Un obiettivo che è il doppio di quello che si è data l'Unione Europea. L'innovazione tedesca, infatti, si è sviluppata in due diversi settori: da un lato le tecnologie che consentono una maggiore efficienza energetica e, quindi, un minor consumo assoluto di energia. Dall'altro nuove tecnologie nel campo delle energie rinnovabili, in particolare dell'energia solare dove la Germania risulta essere leader mondiale e il maggiore esportatore di tecnologia del settore.
Ok, prendiamo una centrale nucleare da 1 Gigawatt di produzione (mi pare sia la produzione media di una centrale moderna).

1 GW sono 1000 MW.

1 km2 di pannelli solari (come da articolo, 110 ha sono 1,1 km2, ma facciamo 1 per semplicità anche se ottimizziamo arbitrariamente del 10% la resa del fotovoltaico) produce, nella migliore delle ipotesi, 40MW (attualmente 24 in verità, ma ragioniamo su 40).

In sostanza per produrre 1 GW servono 25 km2 (1000 MW / 40 MW = 25 km2) di superficie fotovoltaica in perfetta efficenza (da pulire, mantenere, ecc.)

In pratica devi coprire di pannelli solari il lago di Varese e tutte le sponde direi per almeno un 100 mt dalla riva.

E se per 40 MW prodotti col fotovoltaico su un km2 risparmi 25.000 tonnellate di carbonio, con una centrale da 1 GW ne risparmi 25.000 t * 25 km2 ovvero 625.000 t !

Non so, vedi te :smt105 !
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Avatar utente
Armando
Senior Member
Messaggi: 4458
Iscritto il: mar giu 07, 2005 11:35 am
Località: Montichiari BS

Messaggio da Armando » gio apr 29, 2010 2:18 pm

e poi ricordo sempre le pale eoliche offshore,certo più belle delle piattaforme petrolifere
Andiamo a far visita ai nostri cugini greci, e per la precisione nel sud di Creta:

Immagine

Ecco la baietta e la spiaggia di Kali Limenes (=Buoni Porti .. citato anche da S.Paolo che vi era sbarcato durante il viaggio per Roma) .. una baietta coronata da due piccole isole, sarebbe molto carina in effetti .. ma su una di queste isolette ...

Immagine

.. sorpresa!!! :(

Va be' .. andiamo via.
Risaliamo la costa, ci sono dei bei paesini pochi Km sopra appena di là dalle prime montagne :grin:

Eccone qui uno che si chiama Miamou

Immagine

.. ma cosa c'è sul crinale che sovrasta il paese?
Toh ... delle bellissime pale eoliche (inshore, queste)
:(

Altra vittima della richiesta di energia.
E notare che i greci stanno pure fallendo.
Armando
[size=75]

_______________________

Ricorda:
- presentati a seaspin nell'apposita sezione
- non porre domande su argomenti già aperti
- proponi solo foto rispettose dei pesci e in ambiente naturale
- se ravvisi un problema parlane prima in privato coi moderatori [/size]

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Messaggio da BallaCoiPersici » gio apr 29, 2010 2:21 pm

mimmus ha scritto:
knives cs ha scritto: è necessario questo nucleare? può darsi che sia necessario realmente,posso tollerarlo,ma non riesco proprio ad appoggiarlo
Eh, propri così...

Comunque, inutile dare addosso ad una tecnologia fondamentalmente agli esordi come quella solare fotovoltaica.. conviene implementarla con ragionevolezza, favorirne la diffusione e lo sviluppo, anche addossandosi i suoi costi e la non-competitività, confidando nel futuro. Del resto, se ci pensiamo, questo povero Sole ci butta addosso tutta l'energia che ci serve :cool: Anche il carbone e il petrolio, sono energia solare conservata!
E' giusto fare ricerca e sviluppare alternative ma è anche necessario stare coi piedi per terra ed evitare di osannare tecnologie che in realtà possono anche sembrare la panacea di tutti i mali ma che alla prova dei fatti, allo stato attuale, sono e restano esercizi di fisica con una resa pratica che produce costi e non benefici.
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Avatar utente
Esox
Senior Member
Messaggi: 1628
Iscritto il: dom dic 21, 2008 1:36 pm
Località: Un pò a nord di civitanova marche (MC) pesco nel LAGO ADRIATICO

Messaggio da Esox » gio apr 29, 2010 2:22 pm

Davide ha scritto:boh... avevo sentito cose turche sui costi di smaltimento e sulla reale convenienza del fotovoltaico, che, insomma, tanto ecologico poi non era... :smt023
Guarda, in giro se ne sentono tante, ad esempio c'è un confinante dell'impianto da un ettare e mezzo che è convinto che i pannelli portino via il calore anche dal suo campo e che non ci cresca più niente :-D

Per quanto riguarda la polizza e la garanzia, ne ho proprio parlato col propietario del terreno che mi ha spiegato quello che ha fatto (2 anni è stato dietro a questa storia) quindi penso si sia informato abbastanza, tu dove hai letto dei costi di smaltimento?
Sarei interessato a sapere più cose possibili in merito.
Elia ______________________ Immagine SEMPRE!
http://www.seashepherd.it il sito italiano!
ho sentito dire che c'è un tipo di pesca che si chiama spinning!!!!
Crisi nera, ossessione da serra, gravi sintomi manifestati!

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Messaggio da BallaCoiPersici » gio apr 29, 2010 2:23 pm

Armando ha scritto:Immagine

.. sorpresa!!! :(
Rigassificatore ?

Azz, che orrore, qualunque cosa sia :smt009 !
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Avatar utente
Davide
senior old forum
Messaggi: 12841
Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Località: (Zena)

Messaggio da Davide » gio apr 29, 2010 2:25 pm

ho sentito un installatore di caldaie, impiantista etc. parlare di queste problematiche in una televisione locale... ha detto chiaramente che non è tutto oro quel che luccica... poi oh... magari l'impianto da 800 ettari è ben più conveniente e produttivo dell'impiantino da 2 pannelli sul tetto eh (quello che ventilava Beppe Grillo)
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!

Avatar utente
Davide
senior old forum
Messaggi: 12841
Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Località: (Zena)

Messaggio da Davide » gio apr 29, 2010 2:26 pm

BallaCoiPersici ha scritto:
Armando ha scritto:Immagine

.. sorpresa!!! :(
Rigassificatore ?

Azz, che orrore, qualunque cosa sia :smt009 !
a me piace :cool:
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!

Avatar utente
Esox
Senior Member
Messaggi: 1628
Iscritto il: dom dic 21, 2008 1:36 pm
Località: Un pò a nord di civitanova marche (MC) pesco nel LAGO ADRIATICO

Messaggio da Esox » gio apr 29, 2010 2:26 pm

BallaCoiPersici ha scritto:
Esox ha scritto:
Davide ha scritto:...a proposito di solare...

indagate un po' sullo smaltimento dei pannelli fotovoltaici e dei costi conseguenti... e indagate un po' sulla resa effettiva, in soldoni sonanti alla fine di tutto :-D

potrebbe essere divertente :-D
Esistono polizze assicurative che si stipulano al momento dell' installazione le quali si accollano le spese di smaltimento.

Per la resa, le case madri (parlo principalmente dei pannelli tedeschi non della cinesaglia) garantiscono nel contratto d' acquisto 20 anni con perdita massima 5%.

Se non fosse così i tedeschi sono stupidi... :grin:

Berlino – È stato inaugurato in Germania il più grande ''campo solare'' del mondo: è il Waldpolenz Solar Park, realizzato su un vecchio aeroporto di Lipsia, nella Germania dell'Est, che si estende per 110 ettari. La centrale, che sta per produrre 24 megawatt di elettricità, arriverà entro il 2009 a 40 megawatt, alimentando almeno 10.000 case e consentendo di risparmiare ogni anno almeno 25.000 tonnellate di carbonio. E il fenomeno non si limita a Waldpolenz. Anche Lipsia ospita tre dei 50 campi solari più grandi del mondo. E l'economia della zona - solo fino a pochi anni fa depressa - sta decollando. Perché i tedeschi non si limitano a istallare pannelli fotovoltaici, ma sviluppano in proprio le tecnologie innovative, che poi esportano. Nel 2007 l'economia tedesca è cresciuta del 2,5%, mentre i consumi di energia da combustibili fossili in Germania sono diminuiti del 5,6%, a dimostrazione del fatto che sviluppo economico e sostenibilità ambientale non sono necessariamente incompatibili.
Il governo tedesco dichiara di voler tagliare del 40% le emissioni di carbonio entro il 2020. Un obiettivo che è il doppio di quello che si è data l'Unione Europea. L'innovazione tedesca, infatti, si è sviluppata in due diversi settori: da un lato le tecnologie che consentono una maggiore efficienza energetica e, quindi, un minor consumo assoluto di energia. Dall'altro nuove tecnologie nel campo delle energie rinnovabili, in particolare dell'energia solare dove la Germania risulta essere leader mondiale e il maggiore esportatore di tecnologia del settore.
Ok, prendiamo una centrale nucleare da 1 Gigawatt di produzione (mi pare sia la produzione media di una centrale moderna).

1 GW sono 1000 MW.

1 km2 di pannelli solari (come da articolo, 110 ha sono 1,1 km2, ma facciamo 1 per semplicità anche se ottimizziamo arbitrariamente del 10% la resa del fotovoltaico) produce, nella migliore delle ipotesi, 40MW (attualmente 24 in verità, ma ragioniamo su 40).

In sostanza per produrre 1 GW servono 25 km2 (1000 MW / 40 MW = 25 km2) di superficie fotovoltaica in perfetta efficenza (da pulire, mantenere, ecc.)

In pratica devi coprire di pannelli solari il lago di Varese e tutte le sponde direi per almeno un 100 mt dalla riva.

E se per 40 MW prodotti col fotovoltaico su un km2 risparmi 25.000 tonnellate di carbonio, con una centrale da 1 GW ne risparmi 25.000 t * 25 km2 ovvero 625.000 t !

Non so, vedi te :smt105 !
Ma la produzione di uranio non la consideri?
Per produrre l' uranio e235 quello usato per la fissione, servono enormi quantità di energia, è una risorsa limitata e produce scorie che dureranno per millenni, conviene?
Elia ______________________ Immagine SEMPRE!
http://www.seashepherd.it il sito italiano!
ho sentito dire che c'è un tipo di pesca che si chiama spinning!!!!
Crisi nera, ossessione da serra, gravi sintomi manifestati!

Avatar utente
knives cs
Senior Member
Messaggi: 302
Iscritto il: mar set 11, 2007 10:21 pm
Località: cosenza-pisa

Messaggio da knives cs » gio apr 29, 2010 2:29 pm

ecco degli esempi di lavori fatti da cani che non amano la propria terra... come se mettessero pale eoliche sulle dolomiti o sul colosseo
CLAUDIO!
La pesca è uno sport inventato dagli insetti e voi siete l’esca. (P.J. O’Rourke)

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Messaggio da BallaCoiPersici » gio apr 29, 2010 2:38 pm

Esox ha scritto:
BallaCoiPersici ha scritto:
Esox ha scritto: Esistono polizze assicurative che si stipulano al momento dell' installazione le quali si accollano le spese di smaltimento.

Per la resa, le case madri (parlo principalmente dei pannelli tedeschi non della cinesaglia) garantiscono nel contratto d' acquisto 20 anni con perdita massima 5%.

Se non fosse così i tedeschi sono stupidi... :grin:

Berlino – È stato inaugurato in Germania il più grande ''campo solare'' del mondo: è il Waldpolenz Solar Park, realizzato su un vecchio aeroporto di Lipsia, nella Germania dell'Est, che si estende per 110 ettari. La centrale, che sta per produrre 24 megawatt di elettricità, arriverà entro il 2009 a 40 megawatt, alimentando almeno 10.000 case e consentendo di risparmiare ogni anno almeno 25.000 tonnellate di carbonio. E il fenomeno non si limita a Waldpolenz. Anche Lipsia ospita tre dei 50 campi solari più grandi del mondo. E l'economia della zona - solo fino a pochi anni fa depressa - sta decollando. Perché i tedeschi non si limitano a istallare pannelli fotovoltaici, ma sviluppano in proprio le tecnologie innovative, che poi esportano. Nel 2007 l'economia tedesca è cresciuta del 2,5%, mentre i consumi di energia da combustibili fossili in Germania sono diminuiti del 5,6%, a dimostrazione del fatto che sviluppo economico e sostenibilità ambientale non sono necessariamente incompatibili.
Il governo tedesco dichiara di voler tagliare del 40% le emissioni di carbonio entro il 2020. Un obiettivo che è il doppio di quello che si è data l'Unione Europea. L'innovazione tedesca, infatti, si è sviluppata in due diversi settori: da un lato le tecnologie che consentono una maggiore efficienza energetica e, quindi, un minor consumo assoluto di energia. Dall'altro nuove tecnologie nel campo delle energie rinnovabili, in particolare dell'energia solare dove la Germania risulta essere leader mondiale e il maggiore esportatore di tecnologia del settore.
Ok, prendiamo una centrale nucleare da 1 Gigawatt di produzione (mi pare sia la produzione media di una centrale moderna).

1 GW sono 1000 MW.

1 km2 di pannelli solari (come da articolo, 110 ha sono 1,1 km2, ma facciamo 1 per semplicità anche se ottimizziamo arbitrariamente del 10% la resa del fotovoltaico) produce, nella migliore delle ipotesi, 40MW (attualmente 24 in verità, ma ragioniamo su 40).

In sostanza per produrre 1 GW servono 25 km2 (1000 MW / 40 MW = 25 km2) di superficie fotovoltaica in perfetta efficenza (da pulire, mantenere, ecc.)

In pratica devi coprire di pannelli solari il lago di Varese e tutte le sponde direi per almeno un 100 mt dalla riva.

E se per 40 MW prodotti col fotovoltaico su un km2 risparmi 25.000 tonnellate di carbonio, con una centrale da 1 GW ne risparmi 25.000 t * 25 km2 ovvero 625.000 t !

Non so, vedi te :smt105 !
Ma la produzione di uranio non la consideri?
Per produrre l' uranio e235 quello usato per la fissione, servono enormi quantità di energia, è una risorsa limitata e produce scorie che dureranno per millenni, conviene?
Come ti dicevo il mondo industriale, quello che consuma energia, ha centrali nucleari e non tappeti di pannelli fotovoltaici (che volendo, stati come gli USA, potrebbero pure tappezzare i deserti senza troppi danni).

Sono tutti fessi, incapaci di fare i conti della serva e con attitudini autolesioniste ?
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Avatar utente
mimmus
Moderatore
Messaggi: 9268
Iscritto il: mar gen 08, 2008 6:11 pm
Località: Calabria

Messaggio da mimmus » gio apr 29, 2010 2:41 pm

knives cs ha scritto:ecco degli esempi di lavori fatti da cani che non amano la propria terra... come se mettessero pale eoliche sulle dolomiti
Facci caso: col ca@@o che mettono pale eoliche sulle Alpi :wink:

Comunque, mi pare di aver letto che, coprendo di pannelli fotovoltaici tutto il Sahara, si coprirebbe il fabbisogno energetico europeo :smt040
Comunque, di raddoppio in raddoppio, mi sa che prima o poi ci avvicineremo a rendimenti convenienti. Specialmente se si sviluppano i pannelli "spalmabili" come pittura su qualsiasi superficie.
Mimmo Viggiani

"Non sono malato e non sono morto anche se mi hanno ucciso molte volte"

Avatar utente
Davide
senior old forum
Messaggi: 12841
Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Località: (Zena)

Messaggio da Davide » gio apr 29, 2010 2:45 pm

knives cs ha scritto:ecco degli esempi di lavori fatti da cani che non amano la propria terra... come se mettessero pale eoliche sulle dolomiti o sul colosseo
il territorio greco è costellato da isole, non è la stessa cosa, al limite potresti dire così se mettessere le pale sul partenone o sulle meteore...

è come dire che i finlandesi sono cazzoni perchè fanno i ponti sui loro laghi e non amano il proprio territorio :grin:
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!

Avatar utente
Esox
Senior Member
Messaggi: 1628
Iscritto il: dom dic 21, 2008 1:36 pm
Località: Un pò a nord di civitanova marche (MC) pesco nel LAGO ADRIATICO

Messaggio da Esox » gio apr 29, 2010 2:48 pm

BallaCoiPersici ha scritto: Come ti dicevo il mondo industriale, quello che consuma energia, ha centrali nucleari e non tappeti di pannelli fotovoltaici (che volendo, stati come gli USA, potrebbero pure tappezzare i deserti senza troppi danni).

Sono tutti fessi, incapaci di fare i conti della serva e con attitudini autolesioniste ?
No, molto più semplicemente, hanno sfruttato la risorsa nucleare quando ancora non c'erano altre conoscenze, sfruttano ancora l' investimento fatto 50 ANNI FA e contemporaneamente si orientano verso il futuro; non a caso non sviluppano più nuove centrali, anzi alcune iniziano ad essere smantellate.
Noi ovviamente...siamo indietro di 50 anni, vediamo ora il nucelare come una risorsa... :smt005
Elia ______________________ Immagine SEMPRE!
http://www.seashepherd.it il sito italiano!
ho sentito dire che c'è un tipo di pesca che si chiama spinning!!!!
Crisi nera, ossessione da serra, gravi sintomi manifestati!

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Messaggio da BallaCoiPersici » gio apr 29, 2010 2:50 pm

mimmus ha scritto:
knives cs ha scritto:ecco degli esempi di lavori fatti da cani che non amano la propria terra... come se mettessero pale eoliche sulle dolomiti
Facci caso: col ca@@o che mettono pale eoliche sulle Alpi :wink:

Comunque, mi pare di aver letto che, coprendo di pannelli fotovoltaici tutto il Sahara, si coprirebbe il fabbisogno energetico europeo :smt040
Dunque, il Sahara ha una superficie (da Wikipedia) di 9 milioni di km2, pertanto a 40 MW (anzi, facciamo 50 MW che lì picchia il sole :-D ) a Km2 sarebbero 450.000.000 di MW ovvero 450.000 GW.
Ora bisognerebbe sapere il consumo energetico europeo ma potrebbe bastare, a occhio...

Il problema è: chi ca@@o li va a pulire periodicamente 9 milioni di km2 di pannelli solari :smt005 ?

:-D
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Avatar utente
Armando
Senior Member
Messaggi: 4458
Iscritto il: mar giu 07, 2005 11:35 am
Località: Montichiari BS

Messaggio da Armando » gio apr 29, 2010 2:51 pm

Ti piace, Davide?

Immagine

Forse lì a Genova non sono panorami insoliti.
Se riusciremo a fare un tour di pesca a Creta ci andiamo, magari peschi una spigola già pre-condita anzi "impregnata" :smt016


Mimmo, la situazione del vento sulle Alpi è molto diversa, non ci sono venti costanti come sui crinali che separano i bacini marini, ma regimi di vento molto saltuari, in particolare sui nostri versanti che sono "ridossati" rispetto allo spartiacque.
Comunque in cambio hanno ammazzato l'ecosistema di innumerevoli valli con l'idroelettrico ... e non da ora. Il disastro del Vajoint non era successo per un lago idroelettrico?
Dove c'erano fiumi con buona portata ora ci sono rigagnoli .. è alterazione ambientale anche questa.

Va be' dai ... risparmiamo energia. Chi stacca la spina per primo? :-D
Ultima modifica di Armando il gio apr 29, 2010 2:52 pm, modificato 1 volta in totale.
Armando
[size=75]

_______________________

Ricorda:
- presentati a seaspin nell'apposita sezione
- non porre domande su argomenti già aperti
- proponi solo foto rispettose dei pesci e in ambiente naturale
- se ravvisi un problema parlane prima in privato coi moderatori [/size]

Avatar utente
Davide
senior old forum
Messaggi: 12841
Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Località: (Zena)

Messaggio da Davide » gio apr 29, 2010 2:52 pm

Max, a sentirti sembri il portavoce alieutico del nostro Premier :-D

Armando, ero ironico eh... :-D

...ma penso che se ci voleva ci voleva, voglio dire, si, fa ribrezzo, ma ci vuole...
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Messaggio da BallaCoiPersici » gio apr 29, 2010 2:53 pm

Esox ha scritto:
BallaCoiPersici ha scritto: Come ti dicevo il mondo industriale, quello che consuma energia, ha centrali nucleari e non tappeti di pannelli fotovoltaici (che volendo, stati come gli USA, potrebbero pure tappezzare i deserti senza troppi danni).

Sono tutti fessi, incapaci di fare i conti della serva e con attitudini autolesioniste ?
No, molto più semplicemente, hanno sfruttato la risorsa nucleare quando ancora non c'erano altre conoscenze, sfruttano ancora l' investimento fatto 50 ANNI FA e contemporaneamente si orientano verso il futuro; non a caso non sviluppano più nuove centrali, anzi alcune iniziano ad essere smantellate.
Noi ovviamente...siamo indietro di 50 anni, vediamo ora il nucelare come una risorsa... :smt005
Ok, l'alternativa quindi, quella che chiedevo 10/15 post fa ?
C'è la risposta :wink: ?

Spero non sia quella di coprire di pannelli solari il Sahara :smt005 !
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Avatar utente
Esox
Senior Member
Messaggi: 1628
Iscritto il: dom dic 21, 2008 1:36 pm
Località: Un pò a nord di civitanova marche (MC) pesco nel LAGO ADRIATICO

Messaggio da Esox » gio apr 29, 2010 2:55 pm

BallaCoiPersici ha scritto:
mimmus ha scritto:
knives cs ha scritto:ecco degli esempi di lavori fatti da cani che non amano la propria terra... come se mettessero pale eoliche sulle dolomiti
Facci caso: col ca@@o che mettono pale eoliche sulle Alpi :wink:

Comunque, mi pare di aver letto che, coprendo di pannelli fotovoltaici tutto il Sahara, si coprirebbe il fabbisogno energetico europeo :smt040
Dunque, il Sahara ha una superficie (da Wikipedia) di 9 milioni di km2, pertanto a 40 MW (anzi, facciamo 50 MW che lì picchia il sole :-D ) a Km2 sarebbero 450.000.000 di MW ovvero 450.000 GW.
Ora bisognerebbe sapere il consumo energetico europeo ma potrebbe bastare, a occhio...

Il problema è: chi ca@@o li va a pulire periodicamente 9 milioni di km2 di pannelli solari :smt005 ?

:-D
Mimmo sei sicuro?
Io su focus avevo letto (qualche anno fa) che per soddisfare il fabbisogno mondiale di energia, sarebbe stato sufficiente installare una superficie di 500x500 km nel shara, a questo punto urge indagare!
Elia ______________________ Immagine SEMPRE!
http://www.seashepherd.it il sito italiano!
ho sentito dire che c'è un tipo di pesca che si chiama spinning!!!!
Crisi nera, ossessione da serra, gravi sintomi manifestati!

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Messaggio da BallaCoiPersici » gio apr 29, 2010 2:58 pm

Davide ha scritto:Max, a sentirti sembri il portavoce alieutico del nostro Premier :-D
Potrei anche essere quello del PM svedese (socialdemocratico), o del capo di stato statunitense (democratico), ecc.
Insomma, di qualunque primo ministro o capo di stato che usa il buon senso e non la propaganda per valutare nel merito le questioni :wink: !

Se nalla fattispecie il nostro Premier ha un'idea che condivido da sempre (dai tempi che votai, mosca bianca, a favore del nucleare e lui manco c'era) dev'essere cattiva per forza perchè l'ha proposta lui :-D ?
Queste equazioni demagogiche le lascio a chi non valuta mai nel merito le cose ma ragiona a interessi di bottega e guerre sante :wink: !
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Avatar utente
Davide
senior old forum
Messaggi: 12841
Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Località: (Zena)

Messaggio da Davide » gio apr 29, 2010 3:01 pm

Ma sto a scherzà!!! non si capiva? :-D :smt005
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!

Avatar utente
Armando
Senior Member
Messaggi: 4458
Iscritto il: mar giu 07, 2005 11:35 am
Località: Montichiari BS

Messaggio da Armando » gio apr 29, 2010 3:03 pm

In linea di massima sono d'accordo che "dove ci vuole ci vuole", ma forse lì hanno fatto autogol, dato che il luogo è stato destinato quando ancora non si pensava che potesse diventare una risorsa turistica (non è che ci voleva molto eh), quindi hanno sputtanato una costa turisticamente interessante, mentre scogliacci del genere ne avevano quanti ne volevano in zone meno pregiate.

(NB: non è distantissimo dalla "tua" Mirtos, lo trovi prima del capo che separa dalla zona di Matala)
Ultima modifica di Armando il gio apr 29, 2010 3:05 pm, modificato 2 volte in totale.
Armando
[size=75]

_______________________

Ricorda:
- presentati a seaspin nell'apposita sezione
- non porre domande su argomenti già aperti
- proponi solo foto rispettose dei pesci e in ambiente naturale
- se ravvisi un problema parlane prima in privato coi moderatori [/size]

Avatar utente
Davide
senior old forum
Messaggi: 12841
Iscritto il: sab giu 04, 2005 6:53 pm
Località: (Zena)

Messaggio da Davide » gio apr 29, 2010 3:04 pm

quello è un altro discorso :smt023
sul ci vuole ci vuole la intendevo proprio come hai detto te, pensavo fosse uno "scogliaccio" :wink:
:grin:
Davide Boledi
Staff Seaspin

pescaricreativa.org
SonOTS un fan accanito e potenzialmente pericoloso del signor Al Backet. Seghi-so!!!

Avatar utente
BallaCoiPersici
Senior Member
Messaggi: 2628
Iscritto il: lun giu 11, 2007 11:53 am
Località: Laveno Mombello (VARESE)

Messaggio da BallaCoiPersici » gio apr 29, 2010 3:06 pm

Esox ha scritto:
BallaCoiPersici ha scritto:
mimmus ha scritto: Facci caso: col ca@@o che mettono pale eoliche sulle Alpi :wink:

Comunque, mi pare di aver letto che, coprendo di pannelli fotovoltaici tutto il Sahara, si coprirebbe il fabbisogno energetico europeo :smt040
Dunque, il Sahara ha una superficie (da Wikipedia) di 9 milioni di km2, pertanto a 40 MW (anzi, facciamo 50 MW che lì picchia il sole :-D ) a Km2 sarebbero 450.000.000 di MW ovvero 450.000 GW.
Ora bisognerebbe sapere il consumo energetico europeo ma potrebbe bastare, a occhio...

Il problema è: chi ca@@o li va a pulire periodicamente 9 milioni di km2 di pannelli solari :smt005 ?

:-D
Mimmo sei sicuro?
Io su focus avevo letto (qualche anno fa) che per soddisfare il fabbisogno mondiale di energia, sarebbe stato sufficiente installare una superficie di 500x500 km nel shara, a questo punto urge indagare!
Allora, il consumo medio del 2004 ( http://it.wikipedia.org/wiki/Risorse_e_ ... _nel_mondo ) era di 15 TW ovvero di 15.000 GW ovvero di 300.000 km2 quadrati di pannelli solari a 50 MW/Km2.

Quindi la superficie che indichi (250.000 Km2) potrebbe quasi bastare :smt023 !
Massimo - BallaCoiPersici (aka Ballak)

Che bello che era quando lo spinning non era una moda !

La Gaystapo ha veramente rotto i coglioni !

Rispondi