Tutela "legale" per artificiali

Per salutare i tuoi amici o semplicemente cazzeggiare anche su argomenti non strettamente legati al mondo della pesca.

Moderatori: Staff Seaspin, Staff Moderatori

Rispondi
Avatar utente
kurg
Member
Messaggi: 114
Iscritto il: dom lug 04, 2010 7:27 am
Località: un po' nord un po' sud

Tutela "legale" per artificiali

Messaggio da kurg » lun ott 28, 2019 4:47 pm

Non sapevo bene in che sezione postare la domanda, spero qui vada bene.
Chiedo a voi che ci siete già passati, mi sono sempre chiesto una cosa, come si tutela da un punto di vista legale un artificiale o l'idea per farne uno?
Faccio un esempio pratico, il totò di seaspin.
Nella descrizione è scritto che lo avete testato e perfezionato per più di due anni. Ipotizziamo che il primo anno qualcuno lo avesse visto e abbia deciso di bruciarvi sul tempo producendo un popper col buco. Ok il vostro non è solo un popper col buco, c'è studio, collaudi ecc. ma anche se il vostro sarebbe migliore intanto l'ipotetica copia vi avrebbe rubato una fetta di mercato.
A parte "prudenza e fiducia" come si tutela?
Esiste una sorta di brevetto anche per gli artificiali??
Cosa significa "disegno registrato a livello europeo"?

E per tutelare l'idea? Si potrebbe fare un esempio analogo, qualcuno ruba una vostra idea e la sviluppa in modo diverso (tipo 2 buchi nel popper), idea vostra ma 2 artificiali diversi.

Chiedo perché costruisco i miei artificiali. Sono brutti, curo poco l'estetica ma da sempre sono orientato all'invenzione più che alla copia, così, me ne trovo alcuni che non esistono sul mercato (per quello che ne so). Io non ho i mezzi perciò a volte mi dico: "e se li proponessi a qualcuno?". Ora l'idea è sotto forma di noumeno, non ce la vedo a breve (o forse a mai) ma intanto volevo farmi un'idea.
____________________________
Simone

Avatar utente
jackhunter
Amministratore e Staff Seaspin
Messaggi: 4437
Iscritto il: lun apr 14, 2008 11:26 am
Località: MARINA DI PISA

Re: Tutela "legale" per artificiali

Messaggio da jackhunter » lun ott 28, 2019 6:29 pm

Questione molto incasinata ....
la quantità di cloni vari che ci sono in giro ti da indicazione di quanto si possa fare .... niente!

i brevetti sono costosissimi e altrettanto facili da eludere.
Per giustificare il costo di deposito di un brevetto mondiale (per quel che vale) dovresti poi vendere centinaia di migliaia di esemplari.

Depositare il disegno industriale cosa meno ma basta che sia leggermente diverso, che so, 3mm più lungo o più corto ed il gioco è fatto.
Per avere l'evidenza di un "plagio" il clone deve essere identico in tutto e per tutto.

Allacciandomi al discorso sul fatto che qualcuno possa uscire con un clone prima dell'originale perché lo ha visto durante la fase di sviluppo, non ci puoi fare niente e fidati è successo già diverse volte, Seaspin ha un bel po' di progetto che sono stati abbandonati perché è uscito il "clone" prima che il progetto andasse in produzione; l'unica soluzione è che il progetto non venga mostrato a nessuno se non alla prima uscita sul mercato.

Sai benissimo che sul mercato ci sono "cloni" evoluzione degli originali.
Marco Calloni
Staff Seaspin
www.pescaricreativa.org

Avatar utente
kurg
Member
Messaggi: 114
Iscritto il: dom lug 04, 2010 7:27 am
Località: un po' nord un po' sud

Re: Tutela "legale" per artificiali

Messaggio da kurg » lun ott 28, 2019 6:44 pm

Capisco.. immaginavo ma volevo la conferma.
Grazie dei chiarimenti
____________________________
Simone

coronaria
Moderatore
Messaggi: 2405
Iscritto il: gio ott 07, 2010 12:46 pm
Località: CITTÀ ETERNA

Re: Tutela "legale" per artificiali

Messaggio da coronaria » lun ott 28, 2019 7:51 pm

Peccato che non si possano clonare pesci
:smt089 :smt089 :smt089
Mi disse : " Scegli, o me o lo spinning ".
Chissa' dove vive ora....


EMILIANO TUCCIARONE

Rispondi